PICCOLI OMICIDI

LITTLE MURDERERS

USA - 1971
Patsy Newquist, giovane arredatrice dotata di notevole temperamento autoritario, conosce e poi si innamora del fotografo Alfred Chamberlain, giovane pacifista. Alfred, scapolo convinto e piuttosto sfiduciato in tutto, dopo resistenze, accetta (non rinunciando al suo stato di apatia) di sposare Patsy. Proprio quando l'influenza di Patsy convince Alfred a rivedere le proprie posizioni esistenziali, la donna viene uccisa da un colpo di fucile: Alfred è nuovamente sconvolto e annientato. Accolto amorosamente nella famiglia della defunta moglie, per diverso tempo vive come una automa, incapace di dedicarsi ad alcunchè. Il padre di Patsy, pur avendo già perso un altro figlio a opera di un altro ignoto assassino, continua ad avere fiducia nella polizia. Giunge persino ad offrire somme a tutti i poliziotti, come incoraggiamento. Ma le forze dell'ordine non sono in grado di impedire il dilagare dei misteriosi delitti (negli ultimi sei mesi sono state uccise ben 330 persone): quasi tutti i cittadini di New York si sono barricati nelle proprie case. Albert, sprezzante del pericolo, se ne va al Central Park e fotografa le mille piccole cose che un tempo lo avevano interessato. Rientrato in casa, è un uomo diverso: alternandosi coi familiari, spara allegramente sui passanti.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy