Peppino, le modelle e chella là

ITALIA - 1957
Il pittore Teddy, per sfuggire ad una situazione equivoca, mette in imbarazzo Elisabetta, una giovane domestica, che viene licenziata; egli l'accoglie in casa sua, destando l'invidia di un suo vicino, Peppino; pseudopittore, sempre a caccia di avventure sentimentali. Il padre ed il fratello della ragazza, per salvare il suo onore ed esigere riparazione, si precipitano a Roma e prendendo Peppino per Teddy, gli infliggono una solenne bastonatura. Intanto Elisabetta, che cerca un lavoro, viene presentata da Peppino a Carlo, proprietario di una casa di moda: questi assume la ragazza e le usa eccessive premure. Elisabetta, che è innamorata di Teddy, vorrebbe lasciare il posto; ma ella vede un giorno il giovane che bacia la sua ex padrona, e punta dalla gelosia, accetta, per rappresaglia, il corteggiamento di Carlo. Teddy reagisce violentemente, ma allorché intervengono di nuovo i parenti di Elisabetta e Peppino viene di nuovo maltrattato per sbaglio, ogni equivoco viene alla fine chiarito: Elisabetta e Teddy fanno la pace.

CAST

NOTE

- GIRATO NEGLI STABILIMENTI DE PAOLIS.

CRITICA

"Su una delle consuete trame piene di incongruenze, Mario Mattoli ha costruito uno dei suoi soliti film pieni di ingenuità e di buone intenzioni ma, all'atto pratico, poco divertenti e quasi totalmente privi di buone trovate". (A. Albertazzi, "Intermezzo", 8/9, 15/5/1957).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy