Pensione Edelweiss

ITALIA, FRANCIA - 1959
Pensione Edelweiss
Lo scrittore Jean Monnier, urtato da un'automobile in corsa, rimane ferito e viene ricoverato in una clinica: benché in realtà si sia trattato di un incidente, si è sparsa la voce che abbia volontariamente tentato il suicidio. Per questo motivo, durante la convalescenza, Monnier riceve la visita di uno strano individuo, il quale gli propone un soggiorno alla pensione Edelweiss, posta in una zona d'alta montagna, dove, sotto adeguato compenso, gli viene garantita una morte sicura e perfetta. Un po' per curiosità, un po' per spavalderia, Monnier accetta l'offerta. Giunto alla pensione, lo scrittore è colpito dalla bellezza di una delle ospiti, Nadia Rakesy, della quale s'innamora. Egli rileva poi, con crescente preoccupazione che i pensionati vanno scomparendo uno ad uno. Monnier si rivolge allora al direttore della pensione, esprimendo, anche a nome di Nadia, il desiderio di annullare l'accordo stabilito; ma il direttore gli oppone un netto rifiuto, complicando le sorti dei due innamorati...
  • Altri titoli:
    Sursis pour un vivant
    Morte per procura
    Il mistero della pensione Edelweiß
    El albergue de los suicidas
  • Durata: 95'
  • Genere: SENTIMENTALE
  • Tratto da: novella "Thanatos Palace Hotel" di Andrè Maurois
  • Produzione: OTTORINO FRANCO BERTOLINI PER ARBE FILM, EMANUELE CASSUTO PER NEPI FILM (ROMA), C.C.C. MEDITERRANE' CINEMA (PARIGI)
  • Distribuzione: REGIONALE

CRITICA

"La fantastica vicenda non ha il tono arguto e l'impronta paradossale, che il soggetto richiederebbe, ma si svolge in modo convenzionale e risulta perciò poco interessante. Interpretazione discreta, regia di mestiere." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 45, 1959)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy