PAURA NELLA CITTA' DEI MORTI VIVENTI

ITALIA - 1980
Nella cittadina americana di Dunwich, costruita sul luogo in cui una volta sorgeva Salem, la città delle streghe, il reverendo William Thomas si uccide impiccandosi a un albero del cimitero. Contemporaneamente, a New York, la medium Mary Woodhouse ha una visione sia del suicidio di Thomas, sia delle sue terrificanti conseguenze. Subito dopo Mary cade "come morta" per cui, superato il sospetto che essa sia stata uccisa, la polizia ne autorizza la sepoltura. La medium, però, è ancora viva, ed è soltanto per il provvidenziale intervento di un giornalista, Peter, che l'ha sentita urlare nella bara, che essa evita un'orrenda fine. Mentre, a Dunwich, cadaveri viventi usciti dalle tombe cominciano, guidati dal rev. Thomas, a seminare la morte tra gli abitanti, straziando orribilmente le loro vittime, Mary e Peter partono per raggiungere la cittadina. A Dunwich essi conoscono un giovane psicanalista, Jerry, con il quale decidono che il solo modo per far cessare le incursioni dei morti viventi è di ritrovare la tomba di Thomas e distruggerla. Penetrati nella cripta che dovrebbe contenerne i resti, i tre si trovano invece in sotterranei popolati di cadaveri viventi: Peter non sopravvivrà, ma Jerry e Mary riusciranno invece nella loro impresa.

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO OTTOBRE/DICEMBRE 2002
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy