Outing - Fidanzati per sbaglio

ITALIA - 2012
Outing - Fidanzati per sbaglio
Riccardo e Federico, due ragazzi pugliesi molto differenti l'uno dall'altro, ma amici sin dall'infanzia, per sfondare nella vita e 'cambiare le proprie stelle' decidono di fare una difficile scelta che metterà in discussione il loro rapporto con amici, fidanzate e in generale con la società. La regione Puglia, infatti, apre un bando per un finanziamento a sostegno delle attività imprenditoriali nel campo della moda e Federico (spiantato playboy di periferia e bugiardo di professione, con un fratellino piccolo a carico) convince Riccardo (talento del design che vive a Milano con la fidanzata Lucia e che lavora come commesso) a tornare in Puglia e a realizzare il suo sogno: aprire un atelier di moda. Tuttavia, i finanziamenti sono riservati alle coppie di fatto e i due amici, per partecipare, dovranno fingersi omosessuali. Ad aiutarli a diventare una coppia abbastanza credibile da superare la selezione sarà Roberto, direttore del quotidiano "Puglia Oggi", omosessuale non dichiarato e capo di Carlotta, una giornalista d'assalto poco incline ai compromessi e dalla personalità ribelle che nel frattempo ha ingaggiato una sua personale battaglia contro la nuova caporedattrice Maria Luisa, raccomandata e priva di capacità...
  • Altri titoli:
    Crisi d'identità
  • Durata: 93'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: ROBERTO CIPULLO, ANDREA IERVOLINO PER CAMALEO FILM E RED CARPET, IN COLLABORAZIONE CON RUGINA REAL ESTATE
  • Distribuzione: AI ENTERTAINMENT IN COLLABORAZIONE CON THE WHALE (2013)
  • Data uscita 28 Marzo 2013

TRAILER

CRITICA

"Nessun cliché viene risparmiato dal film di Matteo Vicino che finisce con uno scontato dubbio sul futuro sessuale. In realtà è un esempio di cordiale, travestita omofobia (...). Attori che non reggono i caratteri (né Bosca, né Vaporidis) mentre Ghini si diverte a fare lui sì il vero gay." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 4 aprile 2013)

"Una commedia italiana ma dal taglio più europeo per denunciare le poche opportunità riservate ai giovani, lo scandalo delle raccomandazioni e molto altro. Si sorride per battute di grana grossa." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 4 aprile 2013)

"Una commedia zeppa di situazioni goliardiche e pierineschi doppi sensi (...), dove comunque si ridacchia. Con l'improbabile direttore di Puglia Oggi, Massimo Ghini, che si mette il rossetto e battute come questa: «Ha il cavallo basso, quasi un pony»." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 28 marzo 2013)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy