Ostaggi

ITALIA - 2021
3/5
Ostaggi
Un uomo, inseguito dalla polizia dopo una rapina, entra in una panetteria e prende in ostaggio gli avventori. Marco, rapinatore improvvisato, è un piccolo imprenditore che all'ennesima cartella esattoriale dà di matto. Ambra è un'ex infermiera, ora prostituta "in proprio". Regina è una pensionata cardiopatica dai guizzi rivoluzionari. Remo, un panettiere pavido e aggressivo. Nabil è un venditore siriano saggio. Il commissario e la negoziatrice Anna devono risolvere la situazione. Questo mix umano si ritrova intrappolato in una situazione tragicomica, dove il gioco si fa sempre più imprevedibile.
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, NOIR
  • Tratto da: pièce teatrale omonima di Angelo Longoni
  • Produzione: FENIX ENTERTAINMENT SPA IN ASSOCIAZIONE CON ELEONORA IVONE E ANGELO LONGONI PER WAKE UP PRODUZIONI
  • Data uscita 15 Maggio 2021

TRAILER

RECENSIONE

di Giulia Lucchini

Dal teatro al cinema, anzi in questo caso sarebbe più appropriato dire su Sky Cinema Primafila, arriva l’opera prima di Eleonora Ivone dal titolo Ostaggi.

Tratta dall’omonima pièce teatrale di Angelo Longoni e scritta dalla regista insieme allo stesso Longoni, questa black comedy vede protagonista un improvvisato rapinatore (Gianmarco Tognazzi) che, per scappare dalla polizia, si rintana in una panetteria. Il panettiere (Francesco Pannofino) e gli avventori della bottega saranno i suoi ostaggi: un’ex infermiera ora prostituta (Vanessa Incontrada), una pensionata cardiopatica (Elena Cotta) e un extracomunitario siriano (Jonis Bascir). Dall’altra parte della saracinesca abbassata del negozio una schiera di poliziotti pronti a sparare: c’è chi, come il commissario (Alessandro Haber), non vede l’ora di dare l’ordine di premere il grilletto e chi, invece, come la negoziatrice, la psicologa criminale (interpretata dalla stessa regista), è più propensa ad aspettare e a trattare.

Nata con l’intento di far riflettere, “una commedia sociale” la definisce lo stesso Longoni, in realtà non è esattamente questo l’effetto che ottiene. Il disagio sociale dei personaggi, nonché il loro rapporto con le istituzioni, da un lato l’anima gentile dello Stato (la negoziatrice Ivone) e dall’altro quella più aggressiva (il commissario Haber), passano in secondo piano mentre emerge il paradosso e la comicità. Come dire poco tragico, ma molto comico. Questo però non è affatto un male perché comunque si ride (e non è poco).

L’italianizzazione della sindrome di Stoccolma (fenomeno con il quale viene indicata la situazione paradossale in cui la vittima avverte un sentimento di simpatia, empatia, fiducia verso il suo aguzzino. Sindrome sulla quale è stato fatto anche un film: Rapina a Stoccolma con Ethan Hawke) alla fine funziona. Ad uscirne vincenti sono, senza dubbio, le figure femminili: Elena Cotta nei panni di un’anziana signora che ha grinta da vendere; Eleonora Ivone, nel ruolo di una negoziatrice determinata nel non usare la violenza; Vanessa Incontrada, nei panni di una prostituta che bacchetta tutti e davvero esilarante nel dare consigli al rapinatore (spesso cinematografici: da “In tutti i film c’è sempre un ostaggio che viene ucciso per primo” alla battuta “Baciami, voglio che mi si baci sulla bocca quando mi si fotte” di Quel pomeriggio di un giorno da cani con Al Pacino) su come proseguire la trattativa con la polizia.

Nel film anche le musiche di Niccolò Agliardi, reduce dal Golden Globe e dalla nomination agli Oscar. Il cantautore milanese ha curato la colonna sonora e cantato la canzone finale.

NOTE

- REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA FILM COMMISSION CALABRIA.

- DISPONIBILE DAL 15 MAGGO 2021 SU SKY CINEMA PRIMA FILA PREMIERE.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy