OPERAI, CONTADINI

ITALIA, FRANCIA - 2000
OPERAI, CONTADINI
Attori non professionisti leggono brani tratti da vari racconti ricavati da alcuni testi di Vittorini, come già avveniva per il film "Sicilia!". Ma questa volta il film è a colori e operai e contadini sono collocati tutti nello stesso bosco con sprazzi di luce che penetrano tra i rami degli alberi. Panoramiche e stacchi, e perfino qualche zoom, passano dai volti al panorama o al copione che i personaggi tengono in mano. La musicalità dei vari dialetti di provenienza fa da contrappunto ai volti severi e alle storie di fatica e di dolore e soprattutto di guerra. L'utopia degli autori è che siano proprio gli ultimi, operai e contadini, a dar voce alle difficili parole dei grandi scrittori anzichè lottare con quelle loro, spesso faticose.
  • Durata: 123'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Data uscita 8 Giugno 2001

CRITICA

"Utopia e disillusione, insomma, un anticipo sugli anni '60. Un film in forma di processo collettivo dedicato 'alla follia, la follia umana di stare insieme'. Gli Straub lo ricollegano al loro vecchio 'Non riconciliati'. Un titolo, un programma". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 8 giugno 2001).

"Chi conosce Straub sa cosa aspettarsi. Oralità pura. Straniamento brechtiano. Lavoro sul testo e sulla metrica. (...) Dice Straubb: "Bisogna essere molto pazienti, e impietosi, con se stessi e con gli altri". Appunto." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 13 giugno 2001).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy