Oggi insieme domani anche

ITALIA - 2015
3,5/5
Oggi insieme domani anche
Film partecipato ideato e curato da Antonietta De Lillo, attraverso frammenti di materiali diversi - documentari, inchieste, animazione, immagini di attualità e di repertorio - compone un ritratto dell'amore ai nostri tempi. L'amore nella sua accezione più ampia, non solo come rapporto di coppia ma anche come amore filiale, solidarietà verso il prossimo, come opportunità di reimparare a guardare al di là di noi stessi, dei nostri egoismi e delle nostre paure. E ci conferma che, in una società che sembra sempre più improntata su modelli di cinismo e individualismo, l'amore è ancora la più potente energia che ci muove e spesso il migliore antidoto alla nostra solitudine.
Hanno partecipato con i loro documentari: Antonio Aragona; Yuki Bagnardi ("Solo da tre giorni"); Gabriele Camelo ("L'amore a piazza vittorio"); Loredana Conte; Marta Corradi ("Di amore in amore"); Antonietta De Lillo ("Let's Go"); Maria Di Razza ("Forbici"); Nunzia Esposito ("Love Casting"); Agostino Ferrente ("Love Notes"); Federica Iacobelli; Teresa Iaropoli ("Passo a due", "Solo da tre giorni"); Ilaria Jovine ("Almas en juego"); Fabiomassimo Lozzi ("L'amore è una scarpa comoda"); Pasquale Marino ("Bella"); Paolo Marzoni; Tebana Masoni ("Tragedia dell'estate"); Aglaia Mora; Elena Morando ("La solidità delle cose fragili"); Luca Musella; Bartolomeo Pampaloni ("Lucas & Karolina"); Margherita Pescetti ("Passo a due"); Cristina Pignalosa; Giovanni Piperno ("Love Notes"); Marco Simon Puccioni ("Prima di tutto - My Jouney To Meet You"); Helena Rizzo; Fabiana Sargentini ("A tutti i costi"); Greta Scicchitano ("Amare a 20anni"); Alessandro Tamburini ("Amore necessario", "Mai senza"); Erika Tasini ("La prova"); Ciro Zecca ("Mai senza"); Cristian Ferrao, Alessio Gonnella, Luca Longarini, Eugenio Persico, Giacomo Ravesi, Margherita Sarti ("L'amore è un noceto").
  • Durata: 85'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Specifiche tecniche: HD (16:9)
  • Produzione: ALICE MARIANI, CRISTINA PIGNALOSA, ANTONIETTA DE LILLO PER MARECHIAROFILM
  • Distribuzione: MARECHIARO (2016)
  • Data uscita 19 Maggio 2016

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Di cosa parliamo quando parliamo d’amore? Antonietta De Lillo, alla raccolta di racconti di Raymond Carver, giustappone un punto interrogativo e risponde con quel che troppo spesso diamo per scontato: il noi. Amore, amare è un noi. Dunque, anche il filmare, il cinema: Oggi insieme domani anche è un film partecipato, in cartellone al 33° Torino Film Festival.

Filmaker e non, tutti hanno portato il proprio contributo, diremmo, il proprio amore, con formati, registri e occasioni diverse: repertorio, home movies, documentari, animazione, reportage, tutto confluisce in una Gestalt cine-sentimentale, che è più della somma di queste parti. Montaggio delle attrazioni, e delle confessioni.

Già quattro anni orsono, con Pranzo di Natale, De Lillo aveva sperimentato la partecipazione fatta film, ora affina la formula, facendo della pluralità dei contributi singolarità ideologica, poetica e, sì, sentimentale: sono passati 40 anni dal referendum sul divorzio e dai Comizi d’amore pasoliniani, ed è bello, quantomeno interessante e civile, scoprire l’evoluzione del rapporto di coppia, tra famiglie allargate, relazioni omosex, sesso nella terza età, su Internet e via dicendo.

Ci sono esempi di vita, teorizzazioni e testimonianze, gioia e tragedia, soprattutto, battute, lacerti, intermezzi personali e privati che lasciano il segno, coniugando l’amare e declinando l’amore nel nostro qui e ora: crisi economica e disoccupazione, immigrazione e integrazione, disgregamento della famiglia tradizionale e, lamenta l’anziano Sempronio, “l’amore? Oggi è un puttanismo, uno schifo”.

Film e protagonisti triangolano con un sentimento variabile, volubile e totalizzante, che può essere una scarpa comoda, un vibratore o un “fondamentalmente è un vile” detto senza cattiveria (Luisa Adorno) all’uomo con cui vive da sempre. In fondo, è semplice: amatevi e filmatevi.

NOTE

- REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON ARCHIVIO AUDIOVISIVO DEL MOVIMENTO OPERAIO D DEMOCRATICO; CON LA PARTECIPAZIONE DI BRONX FILM; CON IL SOSTEGNO DELLA REGIONE LAZIO-FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L'AUDIOVISIVO.

- COORDINAMENTO ARTISTICO: MARIA DI RAZZA, MARCELLO GAROFALO, BETTA LODOLI, AGLAIA MORA, ANNA MARIA PASETTI, ANTONIO PEZZUTO, GIOVANNI PIPERNO.

- REDAZIONE: RENATO LAMBIASE, ALICE MARIANI, CRISTINA PIGNALOSA, EUGENIA RODELLA, FILOMENA VIAFORA.

- PROGETTO PARTECIPATO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON: CANTIERE DELLE STORIE DEL PREMIO SOLINAS, CASA DEL CINEMA, LA 27ESIMAORA DI IL CORRIERE DELLA SERA, MATRIMOVIE, MOLISECINEMA, MYMOVIES, SULMONACINEMA, ZOOPPA.

- PRESENTATO AL 33. TORINO FILM FESTIVAL (2015) NELLA SEZIONE 'FESTA MOBILE'.

CRITICA

dalle note di regia: "Il film partecipato nasce dal desiderio di trovare nuove forme di linguaggio per raccontare la realtà attraverso una molteplicità di storie e di sguardi. Partendo da un tema comune l'intento è di realizzare un film documentario di remix basato sulla condivisione e sullo sfruttamento di quella forma di partecipazione peculiare della rete nota come crowdsourcing. (...) La particolarità del progetto di marechiarofilm rispetto alle altre forme di film crowdsourced è quella di valorizzare l'individualità dei singoli contributi inviati o realizzati dagli autori partecipanti, che possono avere vita e diffusione autonoma. Il film partecipato è un'operazione di remix che crea una narrazione completamente nuova a partire dai frammenti dei materiali raccolti, sperimentando le potenzialità creative e produttive del found footage ancora quasi del tutto inesplorato in Italia."

"Pur nella brevità e nella varietà delle risposte (questa è la ricchezza) su famiglia e figli, etero e omo, gelosia, passioni, diritti della comunità Lgbt, matrimoni e divorzi, il film riesce pur confusamente a sussurrare vere dolorose storie che stanno dietro parole e sguardi più o meno conformisti (...). Bilancio sociale niente male." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 19 maggio 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy