Non è mai troppo tardi

The Bucket List

USA - 2007
Edward Cole è un magnate d'industria multimilionario. Carter Chambers un umile meccanico afroamericano. I due uomini, malati terminali, si trovano a condividere la stessa stanza di ospedale. Nonostante le differenti origini e classi sociali, sono entrambi determinati a non subire passivamente il destino che è stato loro riservato. Decisi a realizzare tutto ciò che non hanno mai potuto fare per mancanza di tempo, denaro o per pigrizia, i due fuggono dall'ospedale e si imbarcano insieme in un'avventura straordinaria. Lungo il percorso, oltre a depennare dalla lista le esperienze compiute, i due uomini impareranno anche a riscoprire se stessi e le gioie della vita prima che per loro sia troppo tardi.

CAST

CRITICA

"Rob Reiner, 63 anni, il regista americano di 'Stand by Me', 'Harry ti presento Sally', 'Il presidente-Una storia d'amore', dirige due attori bravi in un film come sempre brillante e sentimentale, riflessione sulla morte. (...) Il film convenzionale non giova particolarmente ai due protagonisti. Eppure, per quanto sia intriso di sentimentalismo e abbia un bruttissimo titolo italiano, Non è mai troppo tardi finisce per essere davvero commovente." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 25 gennaio 2008)

"Spesso i registi quando hanno a disposizione dei fuoriclasse non devono fare altro che metterli nelle condizioni migliori per esprimersi. Nel caso di 'Non è mai troppo tardi', per esempio, Rob Reiner, autore capace di passare da commedie come 'Harry ti presento Sally' a 'Stand by Me' e 'Misery non deve morire' (da Stephen King), si è messo al servizio di due mostri sacri come Jack Nicholson e Morgan Freeman. Ispirato a 'Knockin' on Heaven's Door' (1997), il film fa interagire due uomini di estrazioni sociali molto diverse che vivono un'indimenticabile avventura insieme. (...) Magnificamente misurati ed essenziali, i due splendidi settantenni evitano le trappole del sentimentalismo riuscendo a comunicare con finezze grottesche l'approccio vitalistico alla morte e il senso profondo dell'amicizia." (Alberto Castellano, 'Il Mattino', 26 gennaio 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy