Nessuno ci può giudicare

ITALIA - 2016
Nessuno ci può giudicare
Nell'Italia del secondo dopoguerra e del miracolo economico, il cinema continua a essere il divertimento preferito degli italiani nonché lo specchio vero dell'Italia che cambia. E i film musicali, che vedono per protagonisti prima gli "urlatori" (Celentano, Mina, Dallara...) e poi i cantanti beat (Morandi, Pavone, Caselli, Mal...) raccontano un'Italia che cambia velocemente. I giovani per la prima volta nella storia nazionale possono essere indipendenti economicamente dalla famiglia e possono coltivare i loro gusti musicali, il proprio modo di vestire. Il cinema racconta puntualmente questo cambiamento, e l'Archivio dell'Istituto Luce lo segue passo dopo passo. Attraverso una serie di interviste inedite (Rita Pavone, Caterina Caselli, Shel Shapiro, Mal, Ricky Gianco, Gianni Pettenati, Piero Vivarelli...) e un'approfondita ricerca sul materiale d'archivio e sui film musicali, una carrellata sull'Italia che da paese agricolo diventa potenza industriale, che inventa un nuovo modo di divertirsi ma al tempo stesso scopre il gusto della ribellione.
  • Durata: 83'
  • Colore: B/N-C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Specifiche tecniche: DCP
  • Produzione: ISTITUTO LUCE-CINECITTÀ
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE-CINECITTÀ (2017)
  • Data uscita 5 Giugno 2017

NOTE

- RICERCHE D'ARCHIVIO: NATHALIE GIACOBINO, CECILIA SPANO.

- ARCHIVI: ARCHIVIO STORICO LUCE, SUPEROTTIMISTI, ARCHIVIO DI FILM DI FAMIGLIA DEL PIEMONTE, ASSOCIAZIONE MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA.

- SELEZIONE A CURA DI GIULIO PEDRETTI.

- IMMAGINI DAI FONDI CACCINI, FRUSI, IANNELLI, LOCATI, MALAVASI, MASSANO, TOSCO, CINETECA DEL FRIULI.

- PRESENTATO AL 34. TORINO FILM FESTIVAL (2016) NELLA SEZIONE 'FESTA MOBILE'.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy