Nel più alto dei cieli

ITALIA - 1977
Nel più alto dei cieli
Vi si racconta come la delegazione di una clinica romana abbia chiesto e ottenuto di essere ricevuta dal Papa, come giunga in Vaticano ed entri in un lussuoso ascensore. L'ascensore comincia a salire ma improvvisamente si ferma o forse sale per sempre senza che le porte si riaprano più. In quell'universo chiuso di pochi metri quadrati interviene prima lo stupore, poi subentrano paura e angoscia. Paura e angoscia, a loro volta, scatenano istinti bestiali: risse, violenza, omicidi e antropofagia. Quell'ascensore si trasforma in una zattera della Medusa, in un carnaio sanguinolento e osceno. Solo una giovane suora resterà viva alla fine. A questo punto, com'era prevedibile, risulta che tutto quello che si è visto è solo un'allucinazione: tutti scendono regolarmente dall'ascensore e si avviano alla sala delle udienze.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, SATIRICO
  • Specifiche tecniche: SCOPE - COLORE
  • Produzione: COOPERATIVA NPAC
  • Distribuzione: INDIPENDENTI REGIONALI
  • Vietato 14

CRITICA

"(...) Anziché personaggi, macchiette. ordinate da una sola logica, quella sull'odio "razziale" che Goebbels dettava ai film nazisti. Con una gratuità di racconto, uno schematismo psicologico, un furore vendicativo e irrazionale in cui nessuno riesce a trovare riscatto. Un libello ignobile (...)". GIAN LUIGI RONDI da "Il Tempo".
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy