Nardjes A.

ALGERIA, FRANCIA, BRASILE, QATAR - 2020
3,5/5
Nardjes A.
Nardjes ha 26 anni, è un'attrice che vive in un quartiere popolare di Algeri. La mattina dell'8 marzo 2019 si prepara per la giornata ed esce di casa per unirsi alla manifestazione del movimento Hirak. Il suo cartello dice "Un unico eroe: il popolo". Nardjes è cresciuta in una famiglia militante che è il suo epicentro. Sente che adesso tocca a lei, alla sua generazione lottare per il paese. Ma per strada ci sono tutti: giovani, bambini e anziani sfilano insieme in una protesta sorridente e danzante, che procede per ore come un canto lungo le strade di Algeri. Tre generazioni si sono unite nella lotta in un nuovo senso di appartenenza mai visto prima. La città è elettrica e negli occhi intensi di Nardjes affiora l'impeto delle emozioni. Si vanno accumulando in un crescendo fino a sera, quando finalmente arriva il momento di ritrovarsi con gli amici, raccontarsi una giornata straordinaria e festeggiarla
  • Durata: 80'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Produzione: MARIE-PIERRE MACIA, CHRISTOPHER ZITTERBART, CLAIRE GADÉA, RICHARD DJOUDI, JANAINA BERNARDES PER MPM FILM
  • Distribuzione: READING BLOOM

RECENSIONE

di Giulia Lucchini

Un giorno nella vita di una manifestante algerina. E’ Nardjes A. di Karim Aïnouz, doc interamente girato con uno smartphone nell’arco di ventiquattrore che racconta la manifestazione del movimento Hirak svoltasi ad Algeri l’8 marzo del 2019 in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

Libertà, giustizia e dignità chiedono le persone che protestano per l’Algeria e per ogni singolo algerino battendosi contro l’oppressione e la paura. Giovani, anziani, bambini, sventolando le bandiere del loro paese, rosse e verdi con le mezzelune e le stelle a cinque punte, sfilano e si riversano per le strade l’uno al fianco dell’altro e uniti in questa lotta comune.

Una lotta che viene filmata e ripresa in tutta la sua potenza da Karim Aïnouz, che con questo documentario, presentato in anteprima mondiale alla Berlinale 2020 nella sezione Panorama e ora al Med Film Festival, ci mostra questo movimento giovanile pacifista che chiede un futuro democratico.

Attraverso gli occhi gioiosi, il sorriso e le lacrime “per la troppa emozione” di Nardjes entriamo dentro quella rivolta popolare sfociata nella “Rivoluzione del sorriso”, che scoppiò in Algeria il 16 febbraio del 2019 quando il vecchio presidente Abdelaziz Bouteflika decise di candidarsi per un quinto mandato, violando così la Costituzione.

Il pluripremiato regista brasiliano de La vita invisibile di Euridice Gusmao ci immerge in una nuova storia di emancipazione femminile e si fa testimone con il suo Iphone di una generazione decisa a combattere per i propri diritti e per un paese migliore.

Sarà che con il Covid non siamo più abituati a vedere migliaia di persone assembrate e unite da un sentire comune, dal medesimo senso di appartenenza, o anche che al cinema spesso le manifestazioni sono ricostruite (e si vede), ma qui la forza delle immagini (anche se dato il mezzo usato ovviamente la risoluzione non è delle migliori) è davvero sorprendente. Da vedere.

Vincitore del Premio Amnesty International

 

NOTE

- PRESENTATO AL 70. FESTIVAL DI BERLINO (2020) NELLA SEZIONE 'PANORAMA DOKUMENTE'.

- PREMIO DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL AL 26° MEDFILM FESTIVAL (2020).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy