Mission to Mars- Alle origini della vita ai confini dell'ignoto

Mission to Mars

USA - 2000
Mission to Mars- Alle origini della vita ai confini dell'ignoto
Il 9 giugno 2020 un equipaggio di astronauti della NASA lascia la Terra in direzione di Marte. Mesi più tardi, quando la missione è approdata sul pianeta rosso, il comandante Luke Graham e i suoi compagni scoprono qualcosa di strano e di gigantesco che si avvicina a loro. Fanno appena in tempo a trasmettere un messaggio non del tutto comprensibile che vengono inghiottiti da una forza superiore. La stazione spaziale mondiale deve elaborare in fretta una missione di salvataggio per cercare di capire cosa è accaduto e recuperare gli eventuali superstiti. Capeggiato dai copiloti Woody Blake e Jim McConnell, e completato dalla dottoressa Terry Fisher e dallo scienziato Phil Ohlmyer, il nuovo equipaggio si appresta a raggiungere a sua volta Marte. Ma Woody rimane ucciso nello spazio nel corso di una manovra, per cui atterrano solo in tre e cominciano a visitare l'astronave atterrata prima. Nella serra incontrano Luke, che è vivo, e riferisce che la forza è uscita dalla montagna ha la forma di faccia che si vede davanti. Jim individua un modello di DNA, e dice che qualcuno vuole che loro aggiungano i due cromosomi mancanti. Ora sono davanti alla faccia che si apre per farli entrare. All'interno Luc, Terry e Jim vedono alcuni esemplari di esseri umani allo stato originario: loro sono noi, noi siamo loro, dice Jim. L'incontro con l'origine della vita consiglia un ritorno affrettato all'astronave base. L'equipaggio riparte, la faccia esplode. Jim decide di rimanere. Gli altri lo incrociano dall'astronave, e Terry dice: "Mi raccomando divertiti, Jim".
  • Altri titoli:
    M2M
  • Durata: 113'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, DRAMMATICO, FANTASCIENZA, THRILLER
  • Produzione: TOM JACOBSON COMPANY, TOUCHSTONE PICTURES
  • Distribuzione: BUENA VISTA INTERNATIONAL ITALIA (2000)

CRITICA

""Mission to Mars" è un film abbastanza buono che ha il merito di non prendersi troppo sul serio (anche se in pochi hanno afferrato l'ironia). E se da un lato l'immancabile rimescolata nel calderone del citazionismo ormai solletica soltanto le curiosità più enciclopediche, dall'altro è innegabile che qui e là ne emergano alcuni momenti di grande intensità cinematografica. Insomma, l'annoso dubbio se De Palma genietto del cinema ci è o ci fà, non è ancora risolto. E pur propendendo per la seconda ipotesi, dobbiamo dire che 'Mission to Mars' è in qualche modo uno di quei film di cui ti rimane dentro qualcosa. Anche se sfortunatamente il dolciastro sapore dell'universalismo new age può farlo dimenticare". (Orio Menoni, 'Segnocinema', settembre/ottobre 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy