Missili in giardino

Rally 'Round the Flag, Boys!

USA - 1958
Missili in giardino
Harry Bannerman vive con sua moglie Grace e due bambini a Putnan, piccola città degli Stati Uniti. La sua vita sarebbe tranquilla se sua moglie non fosse continuamente impegnata in comitati e riunioni. Quando si viene a sapere che a Putnan verrà installato un campo di lancio per i missili, la notizia provoca molta inquietudine e le autorità cittadine costituiscono un comitato per la salvezza della città, affidandone la presidenza a Grace. Questa invia Harry al Pentagono, perché si faccia portavoce delle lagnanze dei cittadini. La missione di Harry non ha alcun successo, e lo mette nei pasticci, perché Grace, capitata a Washington, lo trova in albergo in compagnia di Angela, una signora che, da vario tempo, cerca di farlo cadere nelle sue reti. Grace non vuole più vedere suo marito e lo caccia di casa: per colmo di sventura Harry viene richiamato alle armi e deve dirigere i lavori per l'installazione del missili. Al campo deve lottare contro l'insensibilità e la stoltezza del capitano Hoxie, che sembra si sia proposto di rendere sempre più difficili le relazioni tra i militari e la popolazione. Per superare questa situazione, Harry chiede a Grace di voler concludere un armistizio e collaborare con lui: per far cessare i malintesi tra la popolazione e militari decidono di organizzare una rievocazione storica delle origini della città. La rievocazione riesce malissimo, ma permetterà a Grace ed a Harry di riconciliarsi e di sbarazzarsi del capitano Hoxie, che viene lanciato lontano dentro un missile.
  • Altri titoli:
    La brune brûlante
    Keine Angst vor scharfen Sachen
  • Durata: 106'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: CINEMASCOPE, 35 MM (1:2.35) - DE LUXE
  • Tratto da: romanzo omonimo di Max Shulman
  • Produzione: TWENTIETH CENTURY-FOX FILM CORPORATION
  • Distribuzione: FOX, DVD: 20TH CENTURY FOX ENTERTAINMENT (2009)

CRITICA

"Il film, che era diventato un classico del "genere" ha un buon ritmo, e i due protagonisti riescono, un po' faticosamente, a far ridere. In alcuni momenti salta fuori una satira incisiva della via suburbana".
(Laura e Morando Morandini, 'Telesette').

"McCarey, specialista in 'burlesque' realizza una satira gradevole e indiavolata. Newman è un po' a disagio, come ogni volta che ha tentato la carta della commedia brillante. Ma il film, nel complesso funziona". (Francesco Mininni, 'Magazine italiano tv')
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy