Midsommar - Il villaggio dei dannati

USA - 2019
2/5
Midsommar - Il villaggio dei dannati
Dani e Christian raggiungono un amico che vive in un villaggio di campagna per festeggiare insieme la tradizionale festa di mezza estate, Midsommar appunto. Ma ben presto quei nove giorni "speciali", che vengono festeggiati ogni 90 anni, assumeranno contorni sinistri e disturbanti.
  • Durata: 140'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, HORROR
  • Produzione: PATRIK ANDERSSON, LARS KNUDSEN PER B-REEL FILMS
  • Distribuzione: EAGLE PICTURES
  • Data uscita 25 Luglio 2019

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Dopo che la sorella decide di mandare sé stessa e i genitori al creatore, la non stabilissima Dani (Florence Pugh) decide di unirsi al riluttante fidanzato Christian (Jack Reynor) in un viaggio in Svezia, alla volta del villaggio di un compagno di corso.

Da novant’anni lì si tiene una festa di mezz’estate antropologicamente molto interessante, ovvero perfetta per una tesi di laurea, ma i villici hanno in serbo più di qualche sorpresa, sopra tutto, alla incolumità degli studentelli americani in visita: è Midsommar – Il villaggio dei dannati (sic), opera seconda di Ari Aster, già sopravvalutato autore di Hereditary (2018).

Qui frulla eutanasia e tradizione, sette e buen retiro, handicap e premonizione, identità e crudeltà, streghe e cafoni, tara e destino, nonché l’oggi irrinunciabile women’s empowerment, riversando il tutto in una cornice labilmente horror, al più stramba, ma nemmeno troppo: Midsommar annoia pressoché uniformemente per quasi due ore e mezza, fornendo nuove immagini al concetto di “dilatazione” e nuovi sinonimi a "presuntuoso".

Per fortuna, si fa per dire, il fido Aster licenzierà presto un director’s cut di mezz’ora più lungo, tanto per gradire. Se i malcapitati studenti americani non supererebbero il più elementare Invalsi, a irritare non è tanto la sospensione dell’incredulità, ma l’abbandono alla stupidità analogamente richiesto allo spettatore: ci sono, ehm, svolte di sceneggiatura che denunciano un interessamento neurologico.

Per tacere, del décor bucolico, popolato da sosia di Benny Hill, infestato da mammane e ingentilito da epigoni della Manson Family: ti aspetti, questo sì, che qualcuno se ne venga fuori con un “ricoolaaa!”, davvero non sfigurerebbe.

Tutto il resto è folklore e floricoltura, a inghirlandare questo para-horror agreste e post-hippie: chiamatelo Midsonno – Il villaggio dei rintronati.

NOTE

- TRA I PRODUTTORI ESECUTIVI: FREDRIK HEINIG.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy