Mia moglie per finta

Just Go with It

USA - 2011
1/5
Mia moglie per finta
Danny ha finto per anni di essere sposato, con tanto di fede nuziale al dito, per non impegnarsi con nessuna delle donne che ha incontrato finora. Poi, un giorno, conosce finalmente la ragazza dei suoi sogni e nasconde la fede, ma lei lo scopre e gli chiede di incontrare la sua ex moglie prima di andare avanti nella relazione. Danny ricorrerà all'unica donna che lo conosce veramente: la sua assistente Katherine e le chiederà di impersonare il ruolo di moglie...
  • Durata: 120'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Tratto da: pièce teatrale "Cactus Flower" di Abe Burrows (versione americana di "Fleur de cactus" di Pierre Barillet e Jean-Pierre Gredy)
  • Produzione: ADAM SANDLER, JACK GIARRAPUTO, HEATHER PARRY PER HAPPY MADISON
  • Distribuzione: SONY PICTURES RELEASING ITALIA
  • Data uscita 1 Aprile 2011

TRAILER

RECENSIONE

di Manuela Pinetti
Un anello per conquistarle tutte, ma soprattutto per evitare fastidiosi strascichi sentimentali. A causa del suo cuore spezzato in gioventù (quasi sull'altare), l'innovativa strategia di Danny (Sandler), chirurgo plastico di successo, consiste nello sfoggiare una fede nuziale (fasulla) e lamentarsi senza ritegno di una (inesistente) moglie-arpia. Nove volte su dieci la preda femminile di turno accetta estasiata di consolarlo. Ma per conquistare la bella Palmer, ventitreenne che mai si accompagnerebbe ad un uomo sposato, dovrà inventarsi una moglie in carne e ossa (Aniston), fingersi amorevole padre dei due figli di lei e inscenare un ménage in dirittura di divorzio.
La location alle Hawaii, colorata e lussureggiante, non è sufficiente a dare smalto a questa desolante rom-com ispirata al film del 1969 Fiore di cactus. Sandler non è Matthau, ma anche il resto del (mal assortito) cast ha poco da stare allegro, e per molti di loro (Nicole Kidman su tutti) viene da chiedersi perché si siano spinti così in basso, tra gag scatologiche e imbarazzanti esibizioni danzerecce con noci di cocco. Sandler ambisce come sempre al politicamente scorretto, ma conferma soltanto il proprio pessimo gusto.

NOTE

- REMAKE DEL FILM "FIORE DI CACTUS" (1969) DI GENE SAKS E CON WALTER MATTHAU, INGRID BERGMAN E GOLDIE HAWN.

CRITICA

"Spiacerà a chi ricorda la stessa storia raccontata 40 anni fa con Ingrid Bergman e Walter Matthau (il titolo era 'Fiore di cactus'). Il confronto con la coppia Aniston Sandler è, a esser cortesi, penoso." (Giorgio Carbone, 'Libero', 1 aprile 2011)

"Un tizio ha mentito alla ragazza che ama, fingendosi già sposato, e ora deve trovarsi una ex moglie finta che regga il gioco per qualche giorno. Equivoci e risate (poche) sullo sfondo delle Hawaii. Fa notizia Nicole Kidman in un ruolo da contorno: a 43 anni è già una caratterista?" (Alberto Crespi, 'L'Unità', 1 aprile 2011)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy