Mia moglie... che donna!

I Married a Woman

USA - 1958
Briggs, pacifico agente pubblicitario, è sposato ad Angelica, ex miss 'bionda spuma'. I due si vogliono bene, ma la loro vita coniugale è turbata da qualche dissidio derivante dal diverso modo di sentire. Angelica, romantica e sognatrice, vorrebbe che suo marito fosse sempre appassionato e galante come il protagonista di un film sentimentale, mentre Briggs ha le sue preoccupazioni professionali. Ora, per esempio,entro tre giorni deve immaginare una trovata pubblicitaria che induca i proprietari della birra 'bionda spuma' a rinnovare il contratto. Angelica, che lamenta una certa freddezza nell'atteggiamento del coniuge, suggestionata anche dalla propria madre, cerca di farlo ingelosire facendosi telefonare dal fattorino dell'ascensore, ma l'astuzia non ottiene l'effetto desiderato. In preda a preoccupazioni cosi diverse, i due coniugi finiscono col litigare proprio nel momento in cui Briggs ha finalmente trovato l'idea pubblicitaria cercata: presentare al pubblico la felice vita coniugale di una delle 'miss' che hanno lanciato la famosa birra. Il principale di Briggs vorrebbe che la protagonista della campagna fosse Angelica, ma Briggs che ha appena litigato non vuole. Il principale convince Briggs a tentare di tutto per riconquistare l'affetto della moglie e gli sguinzaglia dietro il fotografo che riprende la coppia dappertutto. Angelica crede che tutte le premure del marito siano dettate da intenti pubblicitari e il dissidio s'acuisce e si complica, sia per l'invadenza della suocera, sia per causa di Bob, amico carissimo di Briggs. Alla fine tutto s'accomoda grazie ad una notizia inaspettata.
  • Durata: 110'
  • Colore: B/N-C
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: RKO-SCOPE, 35 MM (1:2.35) - TECHNICOLOR
  • Produzione: GOMALCO PRODUCTIONS
  • Distribuzione: RANK

CRITICA

"E' una commedia brillante, ricca di colpi di scena, di equivoci, di trovate comiche e satiriche, di cui fanno le spese prevalentemente la psicologia femminile, la vita coniugale e certa mentalità romantico-economica del mondo degli affari americano. Abile e disinvolta la recitazione." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 44, 1958)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy