MASUCCIO SALERNITANO

ITALIA - 1972
I personaggi più ricorrenti sono due gaglioffi in vari travestimenti: falsi preti spacciano per reliquia di S. Luca un braccio putrefatto che procura loro denaro e preziosi; truffano un frate cupido che abusa del confessionale per arricchirsi e accortosi dell'imbroglio patito, dà a se stesso l'assoluzione sacramentale, introducono, travestito da donna il nobile Filippo nell'alcova della moglie dell'oste Trafone; salvano dalla disperazione frà Martino che aveva dimenticato le mutande in casa dell'amante (travestito uno di loro da cardinale recuperano l'indumento e lo espongono quale reliquia alla devozione dei fedeli). Un frate oltre ad abusare della confessione per insidiar donne dice di servirsene per rivelare complotti contro il principe al quale carpisce denaro che consegna a una sua amante. Per convivere con le loro amanti, frà Jeronimo adopera esorcismi e frà Partenope finge di lottare con il diavolo.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy