Manifesto

USA - 1988
Manifesto
Europa, anni Venti. Il re di una piccola nazione ha in programma di visitare un villaggio tranquillo e sicuro. In realtà, la sua destinazione è tutt'altro che sicura in quanto un gruppo di rivoluzionari ha un congegnato piano per assassinarlo...
  • Altri titoli:
    A Night of Love
    Pour une nuit d'amour
  • Durata: 96'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Tratto da: racconto "Per una notte d'amore" di Émile Zola (ed. E/O)
  • Produzione: CANON GROUP, IN COLLABORAZIONE CON JADRAN FILM
  • Distribuzione: CANNON CINEMA ITALIA

NOTE

- PRESENTATO ALLA 45. MOSTRA INTERNAZIONAL DEL CINEMA DI VENEZIA (1988) NELLA SEZIONE 'VENEZIA NOTTE'.

CRITICA

"Benché dichiarato, il debito a Zola è abbastanza irrilevante nel quadro complesso di 'Manifesto'. Che comincia e finisce su un treno, dove viaggiano attentatori e poliziotti tanto tipicamente operettistici e principio di secolo che il film (non estraneo forse alla suggestione felliniana) potrebbe intitolarsi 'E il treno va'. I furiosi amori di Svetlana, filmati con divertita competenza da un regista che è un maestro dell'erotismo ironico, si inseriscono in una trama di congiure e repressioni. (...) I nomi del film sono un divertimento collaterale: il paese si chiama Waldheim (come il presidente austriaco accusato di antisemitismo), il direttore del manicomio si chiama Bergman (come il regista), il professore di ginnastica aspirante terrorista è Kugelkopf (testa di palla) e la maestra dei bambini è la signorina Sacher (come la torta austroungarica) (...). 'Manifesto' non è il film di un regista qualsiasi, ogni tanto si accende di notazioni firmate: ma è troppo ordinatamente confuso o troppo confusamente ordinato. Non c'è più la grinta spiazzante del Makavejev antititoista, mentre affiora un garbo un po' vecchiotto da commedia mitteleuropea e, la satira graffia in tutte le direzioni senza lasciare segni, sulla fantasia vince il manierismo; e chi si aspettava trasgressioni allarmanti rimane deluso." (Tullio Kezich, 'La Repubblica, 9 settembre 1988)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy