Loulou

FRANCIA - 1980
Loulou
In francese Loulou è il diminutivo di "Louis", ma è soprattutto un'abbreviazione del termine "loubard". Così vengono chiamati, nello slang parigino, i "vitelloni" o i "perditempo", soprattutto in periferia. Nelly, moglie inquieta di André, impiegata nella ditta pubblicitaria del marito, incontra in una discoteca Loulou, un giovanotto simpatico, cordiale e dai modi spontanei e diviene la sua amante. Dopo qualche tempo, Nelly abbandona il marito e va a vivere con Loulou prima in una camera d'albergo, poi in un appartamentino. Simpatia ed erotismo li legano vicendevolmente, finché Nelly non rimane incinta. Loulou ne è felice, ma la donna entra in crisi e si domanda come poter mettere al mondo una creatura con un uomo completamente allergico al lavoro. Loulou promette che con un figlio la sua vita cambierà, ma Nelly non crede alle promesse e decide di interrompere la gravidanza. E' una decisione difficile e sofferta, e per Nelly è l'inizio di una vita diversa...
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICO, EASTMANCOLOR
  • Produzione: GAUMONT, ACTION FILM PARIS
  • Distribuzione: GAUMONT (1982) - GENERAL VIDEO
  • Vietato 18

CRITICA

"E' un mondo squallido, senza alcun ideale, ove, esclusa una certa bontà istintiva, popolaresca che caratterizza Loulou, domina su tutto il sesso. E' il triste mondo dell'immoralità che, a volte, si ubriaca di allegria ma non esperimenta mai la vera gioia; vive di tanti amori senza sapere che cos'è il vero amore. Nelly è un'istintiva, immatura borghese, più micetta che donna. Il fratello di Nelly, Michel, un giovane uomo impegnato e laborioso, è presentato come anormale; Loulou, irresponsabile, analfabeta, vitellone, mantenuto, appare quasi un eroe. E' proprio l'irresponsabilità dei due protagonisti, la loro amoralità, che sfiora la simpatia, per l'eccellente interpretazione di Depardieu e anche della Huppert, che rischiano di essere psicologicamente idealizzati". ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 94, 1983)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy