Louise Wimmer

FRANCIA - 2011
3/5
Louise Wimmer
Louise Wimmer si ritrova allo sbando all'età di 50 anni: è separata, piena di debiti, non ha più una casa e dorme in macchina. Per mantenersi lavora come cameriera in un hotel, ma lo stipendio è troppo basso. Tuttavia, nonostante tutti i suoi guai, Louise ha deciso di non abbattersi e trovare in se stessa la forza per costruirsi una nuova vita e un futuro migliore.
  • Durata: 80'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: HD (1:1.85), DCP
  • Produzione: ZADIG FILMS, ARTE FRANCE CINEMA

RECENSIONE

di Marina Sanna

Già della prima inquadratura, quasi brutale, si capisce che la protagonista dell’opera prima di Cyril Mennegun, in concorso alla Settimana della Critica, non ha nulla da perdere. Louise Wimmer  fa le pulizie a domicilio, si lava nei bagni pubblici, si veste e dorme nella macchina, l’ultima proprietà che le è rimasta. La sua storia è svelata poco alla volta, immagine dopo immagine. Una figlia che compare per pochi minuti, un ex marito che lascia i suoi mobili a marcire sotto un telo di plastica. Una vita miserevole, fatta di giornate tutte uguali, di un passato intuibile dagli oggetti simbolo di un’agiatezza scomparsa per sempre, che Louise porta al banco dei pegni: un servizio di posate d’argento, un foulard di seta, pentole nuovo di zecca. Quelle poche cose rimaste da cui stenta a separarsi, anzi custodisce gelosamente. Fin qui, niente di nuovo, Louise fa parte di quell’esercito destinato ogni giorno ad ingrandirsi, di persone travolte dalla crisi economica globale. Lo scarto invece è nel personaggio, interpretato con grande efficacia da Anne Benoit, che non solo non induce compassione ma per l’intera durata del film mantiene un distacco, misto a superiorità nei confronti di ogni persona che incontra e cerca di aiutarla.
Come l’uomo che frequenta, un amante affettuoso, tenuto a distanza, relegato in un rapporto occasionale. L’orgoglio le impedisce qualsiasi apertura emotiva, meglio mangiare i resti lasciati dagli sconosciuti nei fast food, che chiedere o accettare la beneficenza degli amici. Eppure nella risalita, seppure lenta e faticosa, è impossibile non tifare per questa donna aspra e solitaria, indurita dalle difficoltà e usurata dal tempo che passa. Il regista Mennegun ha al suo attivo due corti Tahar l’étudiant  e Le journal de Dominique, entrambi lavori originali (il primo addirittura rivelatore: un giovane universitario che voleva fare l’attore e pochi anni dopo è stato scelto da Audiard per Il profeta). Altrettanto notevole è l’esordio nel lungometraggio: rigoroso, scarno e coraggioso.

NOTE

- IN CONCORSO ALLA 26. SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA (VENEZIA, 2011).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy