LO SPRETATO

LE DEFROQUE'

FRANCIA - 1953
LO SPRETATO
Durante l'ultima guerra, il sottotenente Lacassagne scopre che un suo collega più anziano, il sottotenente Morin, è un prete apostata. Rimpatriati, i due non si perdono di vista e Lacassagne entra in Seminario: anche in Seminario il suo pensiero resta vicino all'amico ed eccolo così tentare di favorirne con ogni mezzo il ritorno alla Chiesa; il suo zelo, però, è più grande della sua esperienza e nessuno dei suoi tentativi ha esito felice. E intanto Lacassagne è consacrato sacerdote. La sua prima preoccupazione, appena ordinato, è di correre dall'amico per indurlo al pentimento e offrirgli il perdono della Chiesa. Lo trova in un momento particolarmente disperato, quasi alla vigilia del suicidio; ha anzi così paura di cedere e di darsi per vinto che, in un momento di furia, comincia a respingere Lacassagne giù per le scale. Il giovane ha una vecchia ferita di guerra; un urto più violento gliela riapre e lo riduce in fin di vita. Prima di morire, però, ha il tempo di raccogliere il pentimento di Morin e di restituirlo, con l'assoluzione, all'amore della Chiesa.
  • Durata: 107'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, PSICOLOGICO
  • Produzione: SFC GAUMONT/ROGER RIBADEAU-DUMAS/ALAIN POIRE'
  • Distribuzione: DIANA

NOTE

- DIALOGHI: ROLAND LAUDENBACH.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy