Lo sguardo di Satana - Carrie

Carrie

USA - 2013
2/5
Lo sguardo di Satana - Carrie
Carrie White è una liceale che vive in una piccola città del Maine, con una madre ossessionata dalla religione. Goffa, solitaria e vittima dei soprusi dei suoi coetanei, Carrie scopre di avere dei poteri telecinetici che userà per seminare ovunque orrore, distruzione e morte.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Specifiche tecniche: ARRI ALEXA, ARRIRAW (2.8K)/(2K), 35 MM/D-CINEMA (1:2.35)
  • Tratto da: romanzo omonimo di Stephen King (ed. Bompiani)
  • Produzione: MISHER FILMS
  • Distribuzione: WARNER BROS. PICTURES ITALIA (2014)
  • Vietato 14
  • Data uscita 16 Gennaio 2014

TRAILER

RECENSIONE

di GianLorenzo Franzì
Nella periferia del Maine, la mite Carrie White passa le sue giornate succube della madre fanatica religiosa, finché non si accorgerà di possedere terrificanti poteri telecinetici.Dopo De Palma nel '76, ad adattare l'omonimo romanzo di King ci prova Kimberly Peirce: ma per quanto la triade creativa (una donna in regia e due in scena) facesse ben sperare, e il moloch depalmiano fosse un'opera impressa nell'immaginario collettivo, il risultato è sconfortante. La Pierce confina le derive horror all'inizio e alla fine - dove la furia di Carrie non deluderà i fan- tentando di gettare luce nelle pieghe più nascoste e oscure della finta provincia americana, ma il suo Carrie sembra un teen movie perennemente indeciso. Perché la regia è senza brio e non ha ritmo, le sequenze di raccordo sembrano raffazzonate e manca del tutto una guida, e il film sbanda ad ogni svolta senza sapere se imitare il suo predecessore (come fa nei cromatismi di casa White) o allontanarsene.Certo, il lavoro di ammodernamento è buono e il finale non è male, con una Moretz animata da verve luciferina da perfetta riot girl. Ma il risultato finale non spaventa né inquieta bensì, proprio come lo sguardo di una spaesata Julianne Moore, annoia

NOTE

- REMAKE DEL FILM "CARRIE, LO SGUARDO DI SATANA" (1976) DIRETTO DA BRIAN DE PALMA.

CRITICA

"Remake del cult di De Palma del '76 con Spacek-Laurie coppia diabolica, il nuovo film di Kimberly Peirce del romanzo di Stephen King dopo un inizio elettrico prende la via del 'teen movie' con la 16enne Chloë Moretz con poteri da fumetto Marvel, una scalata digital di effetti truculenti fino all'infernale ballo high school. Rispetto al primo, finale semi happy senza la celebre mano che rispunta dalla tomba. Un po' inutile, no?" (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 16 gennaio 2014)

"Secondo adattamento cinematografico dal capolavoro letterario di Stephen King dopo il cult movie del '76 firmato Brian De Palma, 'Lo sguardo di Satana - Carrie' diretto dalla Kimberly Pierce di 'Boys Don't Cry' (1999) è un tentativo serio quanto inefficace di superare quel perfido gioiello horror di tanti anni fa. (...) La Pierce inserisce un bullismo via web che ricorda non poco 'Disconnect', è meno sexy e spiritosa nella regia ma realizza un finale decisamente più agghiacciante rispetto a De Palma con il futuro di Carrie legato ai sogni dei suoi compagni di scuola come e peggio del Freddy Krueger di 'Nightmare'. Horror discreto. Ma evitate paragoni." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 16 gennaio 2014)

"Piacerà più ai coetanei di 'Carrie' (che il film di De Palma del 1977 l'hanno visto poco e male) che ai loro genitori, per i quali il vecchio classico rimane una delle pietre miliari dell'horror (persino Stephen King notoriamente mal disposto verso le traduzioni dalle sue opere ha sempre avuto parole di elogio). Questa nuova edizione però non è da buttare, per via della performance di Julianne Moore (la madre) e dell'ambientazione (la trappola si chiude su Carrie al punto che la furibonda reazione sembra l'unica, logica uscita)..." (Giorgio Carbone, 'Libero', 16 gennaio 2014)

"Più ridicolo che spaventoso simil horror, inutile rifacimento di un De Palma '76. (...) Quando scatena la furia telecinetica, la minuta Chloë Grace Moretz sembra la parodia del mago Copperfield." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 16 gennaio 2014)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy