Le più belle truffe del mondo

ITALIA, FRANCIA, GIAPPONE, OLANDA - 1963
Le più belle truffe del mondo
- "La collana di diamanti" - Truffa di una favolosa collana che riesce in modo perfetto in virtù della bellezza, dell'eleganza e dell'intelligenza di una ladra d'alta classe, che si presenta ad un noto psichiatra come moglie di un famoso gioielliere.
- "L'uomo che vendette la Torre Eiffel" - Narra la storia di un furbo commerciante di terraglie che incontra uno più furbo di lui, che riesce a vendegli la torre Eiffel a peso di ferro.
- "La dentiera" - Una servetta, dopo aver fatto morire per troppo amore un suo ammiratore, allo scopo di impadronirsi della sua dentiera di platino, scopre che non vale niente.
- "Il foglio di via" - Una peripatetica allontanata da Napoli con un foglio di via e rientrata in città furtivamente, con l'aiuto del protettore sposa un vecchietto dell'ospizio per mettersi a posto di fronte alla legge. Ma il vecchietto, nonostante le apparenze, non ha ancora raggiunto la pace dei sensi e finisce col denunciare il falso matrimonio.
  • Episodi: La collana di diamanti - L'uomo che vendette la Torre Eiffel - La dentiera - Il foglio di via - Il profeta falsario
  • Altri titoli:
    L'homme qui vendit la Tour Eiffel
    La torre Eiffel
    The Beautiful Swindlers
    The World's Most Beautiful Swindlers
    De Wereld wil bedrogen worden
    World's Greatest Swindles
    Les plus belles escroqueries du monde
    La riviere de diamants
    Amsterdam
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:2.35), FRANSCOPE - EASTMANCOLOR
  • Produzione: VIDES (ROMA), ULYSSE, LUX, C.C.F. (PARIGI), PRIMEX (MARSIGLIA), TOHO-TOWA (TOKIO), CAESAR FILM PRODUCTIE (AMSTERDAM)
  • Distribuzione: PARAMOUNT - RICORDI VIDEO

NOTE

- L'EPISODIO "IL PROFETA FALSARIO" DI JEAN-LUC GODARD E' STATO ELIMINATO NELL'EDIZIONE ITALIANA PER PROBLEMI DI DURATA.

CRITICA

"I quattro episodi risultano diseguali come impostazione e realizzazione ma tutti sono improntati ad una lentezza di ritmo e ad una generale monotonia che incidono negativamente sul tono del film. Le quattro regie e le interpretazioni dei numerosi attori risultano in definitiva abbastanza mediocri". ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 56, 1964)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy