Le Otto Montagne

ITALIA, BELGIO - 2021
2,5/5
Le Otto Montagne
Una storia di amicizia, di padri e di figli e delle scelte che facciamo nella vita che ci viene data, sullo sfondo delle montagne che dobbiamo scalare fisicamente e psicologicamente. Una storia universale sull'inesorabile ricerca del conoscere sé stessi e al contempo di essere fedeli agli altri.
  • Altri titoli:
    The Eight Mountains
  • Durata: 147'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: tratto dal romanzo omonimo di Paolo Cognetti (ed. Einaudi, 2016)
  • Produzione: MARIO GIANANI E LORENZO GANGAROSSA PER WILDSIDE, RUFUS, MENUETTO, PYRAMIDE PRODUCTIONS, VISION DISTRIBUTION IN COLLABORAZIONE CON ELASTIC, VISION DISTRIBUTION, SKY E PRIME VIDEO
  • Distribuzione: VISION DISTRIBUTION (2022)
  • Data uscita 22 Dicembre 2022

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Due di due. Potremmo tirare in ballo il titolo di un altro romanzo, di Andrea De Carlo, per dire de Le otto montagne, il libro di Paolo Cognetti (Giulio Einaudi editore, Premio Strega 2017) portato sul grande schermo da Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersch, e quei due sono Pietro (Luca Marinelli adulto) e Bruno (Alessandro Borghi adulto), l’uno di città, l’altro montanaro, che bambini, ragazzini e uomini scriveranno tra i monti i propri destini incrociati.

Prodotto da Mario Gianani e Lorenzo Gangarossa per Wildside, società del gruppo Fremantle, scritto dagli stessi registi (il belga van Groeningen, classe 1977, ha in carnet Alabama Monroe e Beautiful Boy), Le otto montagne è in competizione al 75. Festival di Cannes e arriverà nelle nostre sale con Vision Distribution.

L’incontro tra Pietro, i cui genitori sono incarnati senza infamia né lode da Timi e Lietti, e Bruno avviene a Grana, Valle d’Aosta, alle pendici del Monte Rosa: dopo aver stretto un’amicizia profonda, i due si perdono di vista, scontando entrambi rapporti difficili con i propri padri. Invero Bruno lega con il papà di Pietro, che al figlio lascerà in eredità proprio l’amicizia con Bruno e la montagna, segnatamente un rudere da ristrutturare. Riusciranno così vicini così lontani, così uguali così diversi i due uomini a ricostruire la relazione?

Una leggenda nepalese riportata da Pietro illumina la via: vuole che al centro del mondo ci sia un monte altissimo, il Sumeru, attorniato da otto montagne e otto mari, e i nepalesi si chiedono se avrà imparato di più dalla vita l’uomo che ha scalato il Sumeru o quello che ha esplorato le otto montagne, da cui il titolo. Il primo è Bruno, arroccato in una solitudine alpina che ne pregiudica non solo l’interazione con l’amico, ma anche con la compagna e la figlia, il secondo è Pietro, che ai piedi dell’Himalaya troverà l’amore, ma senza dimenticare il suo – è così? – alter ego: due di due, talvolta due di uno, infine uno di due.

L’adattamento è fedele, nella lettera e nello spirito, e se possiamo sicuramente stigmatizzare la voce over di Marinelli, altresì dobbiamo riconoscere un lavoro puntuale, empatico, sincero.

Certo, è facile con quei paesaggi, con quella natura – occhio a chiamarla così che Bruno dissente, ma chiediamoci: un formato panoramico non avrebbe giovato? – meravigliosa, con quella spinta ascensionale da mozzare il fiato e la visione, ma la fotografia (Ruben Impens) ha più di un merito, al netto appunto dell’aspect ratio ingeneroso. Anche l’alveo in cui si inserisce il film è singolare e significativo: un film d’avventura, di maschia e ruvida amicizia, con lampi di bromance, che nell’aura ci fa rievocare la nostra infanzia, sia per le montagne che per la letteratura.
E poi ci sono loro, Marinelli e Borghi, entrambi reduci da prove opache e inappetenti (Diabolik per l’uno, Mondocane e Supereroi per l’altro) che ritrovano l’alchimia di Non essere cattivo (2015) e singolarmente sé stessi: sono bravi, diremmo, sono amici e lo trasmettono come il film richiede, come meglio non potrebbero, con menzione speciale per Borghi e il suo dialetto – no, non era facile, sebbene stia diventando, vedi Favino, un pericoloso rito di passaggio per i nostri interpreti principali.

Non c’è da dire molto altro, Le otto montagne è un film medio con, ehm, alcune vette: l’ambientazione, i protagonisti, la musica di Daniel Norgren. Forse più d’acchiappo che da arrampicata, tant’è.

NOTE

- PRODUTTORI ESECUTIVI: OLIVIA SLEITER, LOUIS TISNÉ.

- PREMIO DELLA GIURIA (EX-AEQUO CON 'EO' DI JERZY SKOLIMOWSKI) AL 75. FESTIVAL DI CANNES (2022).

- IL LIBRO DA CUI È TRATTO HA VINTO IL PREMIO STREGA NEL 2017.

- GLI ATTORI, LUCA MARINELLI E ALESSANDRO BORGHI, RECITANO DI NUOVO INSIEME DOPO IL FILM 'NON ESSERE CATTIVO' (CLAUDIO CALIGARI, 2003).

- REALIZZATO CON LA PARTECIPAZIONE DI CANAL+, CINE+. CON IL SOSTEGNO DI FILM COMMISSION VALLEE D'AOSTE.

CRITICA

"Fedele all' opera letteraria, racconta la passione di Pietro per le cime e la sua amicizia con Bruno , il primo cittadino il secondo valligiano, conosciutisi da ragazzi quando uno saliva per le vacanze coi genitori e poi ritrovatisi da adulti. A unirli più che l' amore per i monti è quello per la vita che impongono, fatta di ritmi scanditi dal silenzio, di rispetto per una Natura a volte ostile, di un sottomesso fatalismo. Ed è proprio questa presenza con i toni inquietanti del sublime che i due registi, autori anche della sceneggiatura, cercano di restituire con un ritmo che forse si concede qualche pausa di troppo. Quando sono in scena gli attori (tutti bravissimi, con una citazione particolare per Borghi) il film sa comunicare la fascinazione, a volte troppo distillata e pura per non dare anche un senso di soffocamento, che trasmettono quei luoghi. Ma quando la fotografia di Ruben Impens si fa tentare da una bellezza troppo elegante, sembra che il film fatichi a procedere." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 19 maggio 2022)

"Il film, molto lungo e silenzioso, fa notizia per il ritorno in coppia di Alessandro Borghi e Luca Marinelli sette anni dopo Non essere cattivo : bravissimi. Il lavoro più impervio spetta a Borghi, che deve fingersi un montanaro barbuto e rustico: sta meno in scena ma è il protagonista, perché quando non c'è si parla solo di lui, l'amico lontano che ti insegna a distanza il senso della vita. Una storia d' amicizia che avrebbe meritato una regia e un ritmo appena più incalzanti." (Alberto Crespi, 'La Repubblica', 20 maggio 2022)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy