LE NOTTI PECCAMINOSE DI PIETRO L'ARETINO

ITALIA - 1972
LE NOTTI PECCAMINOSE DI PIETRO L'ARETINO
Longobarda, cortigiana in Roma, si reca a prelevare sua figlia Prudenza, lasciata in tenera età presso una famiglia di contadini della Ciociaria, per avviarla, con la protezione di un potente cardinale, alla prostituzione nei ceti abbienti. A tale scopo, mentre viaggiano, le racconta diverse novelle e le commenta episodi di cui sono testimoni: la predicazione di un frate che viene dichiarato eretico e bruciato; la consumazione di un matrimonio tra campagnoli all'aperto, affinché familiari e amici possano constatare l'illibatezza della sposa; la peste che costringe alla fuga dalla propria casa Giso e Angelica, i quali chiedono aiuto a una vecchia fattucchiera. Dopo varie vicissitudini, le due donne giungono a Roma. Prudenza ha svelato alla madre di non essere né vergine né tanto innocente; Longobarda, facendo tesoro della propria esperienza, continua ad erudirla e poi la fa "esordire" con successo.
  • Durata: 98'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA EASTMANCOLOR
  • Produzione: CINEPRODUZIONI PEG
  • Distribuzione: REGIONALE
  • Vietato 18

NOTE

IL FILM E' TRATTO DAI "CAPRICCIOSI RAGIONAMENTI",
DAI "PIACEVOLI RAGIONAMENTI" E DALLE "LETTERE" DI
PIETRO L'ARETINO.

CRITICA

Con il duplice filo conduttore del viaggio delle due protagoniste e di un matrimonio tra campagnoli cui assistono, il film lega alcuni raccontini boccacceschi che in comune hanno solamente la volgarità e la procacità più sfacciate. Costumi e ambienti medievali, reperiti fra l'altro con faciloneria, non bastano a conferire eleganza a questo basso prodotto di consumo. (Segnalazioni Cinematografiche).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy