Le grand bleu

ITALIA, FRANCIA, USA - 1988
Le grand bleu
Enzo e Jacques si conoscono sin da piccoli, quando insieme si immergevano nelle acque del Mediterraneo. Dopo la morte del padre di Jacques, anche lui esperto subacqueo, i due ragazzi smettono di frequentarsi. Jacques lavora in Perù per un gruppo di scienziati, dove si immerge nelle acque ghiacciate per alcuni minuti, in modo che i ricercatori possono raccogliere dati sulla sua condizione fisica, che sembra essere più simile a quella dei delfini che a quella degli esseri umani. Enzo invece è diventato un famoso campione di immersione in apnea. Un giorno i due si rincontrano per partecipare ad una gara di immersioni a Taormina. La sfida tra i due potrebbe diventare molto pericolosa per entrambi.
  • Altri titoli:
    The Big Blue
    Im Rausch der Tiefe
    El gran azul
  • Durata: 119'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, ROMANTICO
  • Produzione: GAUMONT, WEINTRAUB ENTERTAINMENT GROUP
  • Distribuzione: FILMAURO (2002)
  • Data uscita 27 Settembre 2002

NOTE

- PRESENTATO FUORI CONCORSO AL FESTIVAL DI CANNES 1988.

- IN ITALIA L'USCITA FU BLOCCATA PER LA CAUSA INTENTATA DA ENZO MAIORCA CHE SI RITENNE LESO DALLA RAPPRESENTAZIONE NEGATIVA DEL SUO PERSONAGGIO.

CRITICA

"Il resto del film resta quello che era: un kolossal dell'anima in 70 mm. che sdogana l'oscura attrazione per gli abissi, vissuta in forme diverse dai due protagonisti, usando con efficace spregiudicatezza tutti i codici del kitsch, dalla commedia esotica all'avventura disneyana. (...) Il problema è che Besson alza il tiro solo nell'ultimo quarto d'ora, dopo averci intrattenuto a colpi di macchiette e di gag di grana grossa, come la scontatissima storia d'amore fra Barr e Rosanna Arquette, assicuratrice newyorkese conosciuta fra i ghiacci delle Ande (riecco l'esotismo) durante un allenamento". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 27 settembre 2002)

"Più che all'intreccio, il film si affida agli incanti delle immersioni negli abissi, delle quali i genitori di Besson erano maestri nell'ambito del Club Mediterranée. Nel contesto azzurrino Rosanna fa la figura della turista estasiata, Barr si muove come un sonnambulo e Reno sembra un siciliano da spettacolo di varietà". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 28 settembre 2002)

"Luc Besson, figlio di due sub professionisti del Club Méditerranée, cresciuto sul mare e nel mare, fa un film mitizzante di profondità e di abissi". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 4 ottobre 2002)

"Chi ama il mare e i fondali dipinti d'azzurro, si accomodi: la visione è pari a un'immersione in un gigantesco acquario virtuale, dove è necessario trattenere il respiro e obbligatorio vedersi nuotare. Nonostante l'immancabile grandeur, il futuro regista di 'Nikita' e 'Leon' si tuffa anima e corpo nella calde e accoglienti acque del Mediterraneo e ci fa partecipi di una passione, di uno scontro che fece epoca. Gli attori, allora tutti in erba tranne l'Arquette, vanno in profondità, ma la spiritualità lascia spesso il controcampo all'umidità". (Aldo Fittante, 'Film Tv', 8 ottobre 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy