LE DUE MADONNE

ITALIA - 1949
Giacomo aveva un negozio, che ha dovuto lasciare in pegno ad un suo creditore. Ora vive del suo lavoro, contento dell'affetto di sua moglie, Maria, e della sua piccola Rosaria. Uscendo un giorno dal cantiere, incontra Vilma, ch'egli un tempo ha corteggiato e s'intrattiene un po' con lei, fidanzata ora al suo principale. Il creditore di Giacomo scrive al principale una lettera anonima, nella quale accusa Giacomo d'intendersela con la di lui fidanzata. Il perfido si propone di rovinare il debitore, per potersi impadronire definitivamente della bottega. Giacomo viene licenziato. Egli si reca al cantiere per chiarire l'equivoco; ma mentre, stando sopra un'impalcatura, s'intrattiene col principale, questi perde l'equilibrio, precipita al suolo e muore. Per consiglio del malvagio, ch'egli crede amico, Giacomo ripara all'estero. Maria, a Napoli, si guadagna da vivere cantando nei ritrovi le più belle canzoni. Giacomo, a Marsiglia, sente la voce di Maria, trasmessa dalla radio, e non può resistere alla nostalgia. Tornato a Napoli, viene arrestato dietro denuncia del creditore; ma infine la sua innocenza è riconosciuta. Egli esce di prigione, mentre il malvagio viene arrestato.
  • Altri titoli:
    CATENA
  • Durata: 90'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: DALLA CANZONE OMONIMA DI ENZO DI GIANNI
  • Produzione: FORTUNATO MISIANO PER ROMANA FILM
  • Distribuzione: VARIETY FILM

NOTE

LE CANZONI SONO DI: ALDO BOVIO. - FILM MODESTO DI LIMITATA CIRCOLAZIONE ANCHE NEL MERCATO DEL SUD, AL QUALE ERA DESTINATO.

CRITICA

"E' un lavoro mediocre che può interessare un pubblico poco esigente". (Anonimo, "Segnalazioni Cinematografiche", vol. XXVI del 1949).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy