LAUREL CANYON - DRITTO IN FONDO AL CUORE

LAUREL CANYON

USA - 2002
LAUREL CANYON - DRITTO IN FONDO AL CUORE
Sam, giovane e serio studente di medicina trasloca a Los Angeles insieme alla sua fidanzata, anche lei studentessa saggia e perbene, per vivere presso la madre nel quartiere di Laurel Canyon. E' allora che cominciano le complicazioni: Jane, la madre di Sam, è una produttrice discografica libera e indipendente che sta cercando di lanciare un gruppo rock e dorme con il cantante. Lei vive la sua libertà al ritmo del rock'n'roll...
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35MM (1:1,85)
  • Produzione: ANTIDOTE FILMS - KULESHOV PRODUCTIONS
  • Distribuzione: IIF (2004)
  • Data uscita 19 Marzo 2004

NOTE

- PRESENTATO ALLA QUINZAINE DES REALISATEURS, FESTIVAL DI CANNES 2002.

- LOU BARLOW E' ACCREDITATO COME LOUIS KNOX BARLOW.

CRITICA

"Si ribaltano i ruoli. Nel film di Lisa Chodolenko 'Laurel Canyon' visto 2 anni fa a Cannes, interpretato dalla bravissima Frances McDormand i genitori sono hippies e i figli borghesini integrati. Non è la prima volta, ma qui la citata McDormand ne fa di tutte e di più, compreso il corteggiare la futura nuora, nei panni di una spregiudicata produttrice discografica che vive col suo giovane playboy rockstar in una villa nella via di Hollywood del titolo. Quando arriva il figlio laureando psichiatra con la fidanzatina per bene è come se scoppiasse la bomba sociologica ed edipica dell'anno, con buon peso moralistico e vecchi stereotipi sulla cultura sesso droga e rock 'n roll. Finale: è necessario tradire e tradirsi. La storia dello show business che dà scandalo è vecchiotta, ma regge sulle spalle dell'ottimo cast che esegue con piacevole superficialità il ben orchestrato melodramma." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 7 febbraio 2004)

"Diretto dalla losangelina Lisa Cholodenko con mano ferma ma senza guizzi, 'Laurel Canyon' è abbastanza ovvio come studio d'ambiente, e non scegliendo un punto di vista preciso non va fino in fondo a nessuno dei protagonisti. A controbilanciare le tentazioni della Beckinsale c'è infatti Natascha McElhone, la bella dottoressa che sembra far vacillare il rigido Sam. Ma anche qui, malgrado i risvolti ironici, il film non esce dai binari di uno script solido quanto prevedibile. Fino all'inatteso finale in piscina, primo vero momento di cinema, che sembra quasi venire da un altro film." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 19 marzo 2004)

"Robetta di scarto che, chissà perché, dobbiamo continuare a sciropparci magari scalzando qualche buon film europeo meno pompato." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 20 marzo 2004)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy