La voglia matta

ITALIA - 1962
La voglia matta
L'ingegner Antonio Berlingheri, un industriale milanese, si reca a visitare il figliolo in un collegio. Lungo la strada, si imbatte in un gruppo di ragazzi diretti ad un pic-nic al mare, che lo sottopongono ad una serie di scherzi ed infine lo invitano a trascorrere con loro il giorno festivo. Berlingheri comincia a corteggiare una ragazza di sedici anni, Francesca, e se ne invaghisce. Ad un certo punto crede di essere tornato ad avere venti anni. Ma quando ha quasi dimenticato i suoi doveri, la giornata festiva termina. I ragazzi riprendono la strada di casa ed egli si reca dal figlio. Solo allora si accorge che è stata una breve animata parentesi nella sua vita.
  • Durata: 110'
  • Colore: B/N
  • Genere: COMMEDIA
  • Tratto da: novella "Una ragazza di nome Francesca" di Enrico La Stella
  • Produzione: ISIDORO BROGGI E RENATO LIBASSI PER D.D.L., LUX FILM, UMBRIA FILM
  • Distribuzione: D.D.L. - ASTORIA - CD VIDEOSUONO, RICORDI VIDEO, BMG VIDEO (PARADE), DVD: MEDUSA (2008)
  • Vietato 16

NOTE

- E' IL FIM D'ESORDIO DI CATHERINE SPAAK.

- CARLO MANCINI E NINO FUSCAGNI, PUR CITATI NEI TITOLI DI TESTA, NON APPAIONO NEL FILM.

CRITICA

"L'interesse del film nasce (...) dall'opposizione di due generazioni (...). Anche se espressi in modi comici, quest'opposizione e quest'abisso sono reali e costituiscono il vero argomento del film. (...) Sotto la sua apparenza svagata, il film è complesso e, a modo suo, nonostante squilibri, contraddizioni e cadute, inquietante. La sua stessa modernità di struttura narrativa non si sottrae alle riserve perché, giunto a metà, il film ha già chiarito la situazione senza riuscire poi a svilupparla". (Morando Morandini, 'Stasera', 16 marzo 1962).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy