La voce del silenzio

La maison du silence

ITALIA - 1952
Alcuni uomini, diversi per condizione e natura, partecipano in un convento, ad un corso d'esercizi spirituali. V'è un fabbricante di candele, un uomo politico, un reduce dalla prigionia, un romanziere, un ladruncolo, che s'è mescolato agli altri per sfuggire alla polizia. A prescindere dal ladruncolo, ciascuno di loro ha un particolare problema spirituale da risolvere. L'uomo politico, già capo di partigiani, ha il rimorso di aver sacrificato la vita di tre innocenti in un atto di sabotaggio: egli risolverà la sua crisi facendosi sacerdote. Il reduce, malato e creduto morto, non ha avuto il coraggio di presentarsi alla moglie, che ha sposato un altro ed è felice: malgrado il consiglio del sacerdote, egli s'allontanerà dalla moglie per sempre. Al romanziere viene attribuita la responsabilità morale delle colpe commesse da minorenni pervertiti dai suoi libri ma egli stesso è tanto demoralizzato che continuerà a pubblicare quegli scritti, dai quali ritrae vistosi guadagni. Neppure il fabbricante di candele, avaro, mellifluo e bigotto, avrà alcun vantaggio dal ritiro in convento. Alle vicende spirituali di questi uomini s'innesta il dramma di un giovane sacerdote, che quando già sembra sopraffatto dal dubbio, trova ancora la forza di vincere. Il ladruncolo esce dal convento pentito e redento dopo aver offerto alla Madonna gli oggetti rubati.

CAST

NOTE

- CONSULENZA RELIGIOSA: PADRE PELLEGRINO S.I.

- SECONDO ALCUNE FONTI IL FILM SAREBBE STATO DIRETTO DA BRUNO PAOLINELLI CON LA SUPERVISIONE DI GEORG WILHELM PABST.

- TERENCE HILL E' ACCREDITATO COME MARIO GIROTTI.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy