La vita segreta delle api

The Secret Life of Bees

USA - 2008
2/5
La vita segreta delle api
Carolina del Sud, 1964. La 14enne Lily Owens, orfana di madre dall'età di 4 anni, si è costruita un'esistenza solitaria ed ha instaurato un rapporto piuttosto problematico con suo padre, un uomo rozzo e violento. Per sfuggire alla propria triste realtà, Lily decide di fuggire dalla fattoria paterna insieme alla sua governante, Rosaleen, e di ripercorrere le tracce del misterioso passato di sua madre. Giunge così nella cittadina di Tiburon, dove entra in contatto con l'universo delle sorelle Boatwright e con l'affascinante mondo dell'apicoltura. Il tempo trascorso tra api e miele e l'affetto delle tre eccentriche sorelle aiuteranno Lily a ritrovare finalmente la serenità.
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: MOVIECAM (COMPACT, SL, SUPERAMERICA), ELITE SCOPE, J-D-C SCOPE, 35 MM (1:2.35) - DE LUXE
  • Tratto da: romanzo omonimo di Sue Monk Kidd (ed. Mondadori)
  • Produzione: OVERBROOK ENTERTAINMENT, DONNERS' COMPANY
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX ITALIA (2009)
  • Data uscita 17 Aprile 2009

RECENSIONE

di Marina Sanna

L'originale titolo potrebbe far pensare a un documentario o a un film ecologista, invece la storia, piuttosto drammatica, si svolge nell'America razzista degli anni sessanta. Lily (Dakota Fanning) vive con il padre violento (Paul Bettany) da quando la madre è morta per un incidente fatale. La governante nera (Jennifer Hudson) è l'unica consolazione nella misera esistenza della ragazzina, finché non compaiono improvvisamente le api. "Arrivarono nell'estate del '64 - scrive Lily nel suo diario -, quella in cui compii 14 anni e la mia vita prese a girare in un'orbita completamente diversa. Ripensandoci adesso, le api mi sono state mandate...". Sono loro, insieme ai ricordi della madre, a guidarla verso sud, dove viene accolta dalla proprietaria della Black Madonna Honey, August Boatwright (bravissima Queen Latifah). Scritto e diretto da Gina Prince-Bythewood, La vita segreta delle api ha la pretesa di toccare temi capitali (solitudine, separazione, morte), senza cadere in un finale troppo consolatorio. Ma è Dakota Fanning ad illuminare lo schermo e l'adattamento del best seller di Sue Monk Kidd, tanto da far dimenticare le ingenuità che punteggiano la sceneggiatura e l'approssimazione dei personaggi.

CRITICA

"Miele scagliato con una rabbia che non dura, overdose di miele leccabile da platee in zuccherina astinenza di melasse fotoromanzate (e case del sidro). Commozione a sdolcinato comando: marmellata senza mai un sano pungiglione." (Alessio Guzzano, 'City', 17 aprile 2009)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy