La vita possibile

ITALIA, FRANCIA - 2016
3,5/5
La vita possibile
Anna e suo figlio Valerio, scappano da un uomo che ha demolito l'amore con le sue mani. Che ha picchiato la donna fino a distruggerla e che ha reso suo figlio un ragazzo chiuso, fragile, pieno di risentimento. Anna sarebbe dovuta finire tra le colonne di un giornale, una notizia tra le notizie, il corpo frantumato di una donna che va ad aggiungersi alle centinaia di corpi di donne che ogni anno raccogliamo nelle nostre case, nelle nostre strade. Vittime dell'inganno di sentimenti malati. Ma Anna non sarà lì. "La vita possibile" esiste, la via d'uscita c'è. Ribellarsi è necessario e alle volte è anche un dovere. La possibilità è quella di trovare una folle e dolce amica che ti aiuta, una casa anche se piccola che ti accoglie, un lavoro seppur duro che ti sostiene. Un futuro. Magari ancora amore. Anna e Valerio lo sanno, sono convinti di poter tornare a vivere e lo vogliono con tutta la loro forza.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1:2.35)
  • Produzione: MARCO POCCIONI, MARCO VALSANIA PER RODEO DRIVE, BARBARY FILMS, CON RAI CINEMA
  • Distribuzione: TEODORA FILM
  • Data uscita 22 Settembre 2016

TRAILER

RECENSIONE

di Massimo Giraldi
Scappata da Roma per dimenticare un marito irascibile e violento, Anna si trasferisce a Torino, dove sarà ospite di Carla, attrice  teatrale e amica di vecchia data. Con Anna c’è il figlio Valerio, un adolescente  di 13 anni. L’impatto con la nuova città è vissuto dai due con reazioni opposte. Soprattutto Valerio vive i problemi della crescita in modo complicato e il rapporto con la mamma si fa difficile…I temi del disamore e della violenza sulle donne da un lato, quelli della precarietà sociale e della sostenibilità quotidiana dall’altro si incontrano in questo copione, tenuti stretti, anzi cementati da quello della urgenza di (saper) dare le giuste risposte alle attese e alle domande di un figlio, che avrebbe bisogno di assistenza e conforto nel momento delicatissimo della crescita.

Le situazioni che il film, La vita possibile di Ivano De Matteo, pone sono tutte autentiche, toccano i territori impervi  della disperazione e dello sconforto, sfociano nella tentazione di dichiararsi sconfitti, prima della fiammella che riaccende la speranza. Il copione attraversa gli stadi della crisi con una sorta di percorso andata/ritorno lungo il quale, a fronte di passaggi intensi e autentici, se ne pongono altri meno convincenti. Quasi tutta la storia è girata a Torino e l’eccesso di realismo dei luoghi abbassa la verità dei fatti. Quelli che riguardano Larissa e Mathieu sono segmenti narrativi che rinunciano ad una stretta indispensabilità a favore di soluzioni più accomodanti e ‘facili’.  Carla assolve in pieno il ruolo di ‘aiuto’ di Anna, entrando in scena quando si impone un cambio di rotta e il racconto procede verso la conclusione. Quella che sembra mancare è in sostanza una motivazione forte e coerente.

Più stringato e saldo nei titoli precedenti (La bella gente, 2008; Gli equilibristi, 2012; I nostri ragazzi, 2014) De Matteo tiene basso il tono della dialettica drammatica, anche se lo sguardo resta sveglio su problematiche estremamente attuali. Ai quali danno convinzione e giusto tono le due protagoniste principali, Margherita Buy e Valeria Golino,  Anna e Carla, donne che affrontano con solidità (Anna) e ironico coraggio (Carla) i colpi avversi della vita e l’avanzare degli anni. Nei ruoli di contorno si segnalano Andrea Pittorino (l’adolescente Valerio), Caterina Shula (Larissa), Bruno Todeschini (Mathieu).

NOTE

- CO-PRODUTTORE: FABIO CONVERSI.

- FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE CON IL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO-DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA; REALIZZATO CON IL SOSTEGNO DI FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE E LA CONSULENZA DI FIP FILM INVESTIMENTI PIEMONTE; IN ASSOCIAZIONE CON (AI SENSI DELLE NORME SUL TAX CREDIT): FACTORIT SPA-GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO, IREN SPA, GTT SPA.

- VALERIA GOLINO E' STATA CANDIDATA AL DAVID DI DONATELLO 2017 COME MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA.

CRITICA

"(...) Ivano De Matteo (...) ancora una volta va a rovistare fra i silenzi familiari e dirige un'orchestra di tre fragili insicurezze (...). L'autore della 'Bella gente' e dei 'Nostri ragazzi' non è il voyeur di una violenza maschilista ben nota, ma guarda al giorno dopo, alla ricostruzione, alle nuove dinamiche affettive, complete di probabilità e imprevisti e finale open. (...) Andrea Pittorino, bravissimo (...). In quest'intreccio di emozioni frenate, il film trova verità, calore, curiosità di vita, avvertendo che non tutto è perduto, tanto che alla fine il pallone areostatico metaforizza, con strappo retorico, quella vita possibile, cioè normale, fatta di tanti oggi messi in fila. (...) il film colpisce e si fa proteggere dalle bravure complementari di Buy e Golino, due Monica Vitti al prezzo di una: Margherita nella versione Antonioni, Valeria in quella Monicelli." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 22 settembre 2016)

"Ivano De Matteo, rispettabile curriculum da attore e più breve ma incisivo percorso da autore-regista, è un valore non ancora del tutto emerso nel panorama non brillante del nostro cinema contemporaneo. Da fine indagatore nelle pieghe delle relazioni interpersonali messe alla prova dai sussulti della contemporaneità (finezza resa più interessante dal contrasto con i ruoli da attore, come Er Puma in 'Romanzo criminale - La serie'). (...) Non è un film perfetto questo (...) 'La vita possibile'. Non tutto torna, e tuttavia ha abbastanza forza ed energia (...) Andrea Pittorino, sensibile ed efficace (...). E' bello che tutto resti aperto. (...) Così come che 'il tema' della violenza domestica sulle donne resti uno sfondo. Tuttavia non sempre e non tutta questa sospensione lascia soddisfatti e si avverte come risolta, non manchevole di qualcosa. Non, per esempio, l'occasione di affiancare due attrici di prima grandezza come Buy e Golino e di sfruttare le potenzialità dei loro personaggi che restano solo parzialmente espressi." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 22 settembre 2016)

"Se nei suoi film precedenti (...) aveva messo in scena il progressivo sgretolarsi di famiglie apparentemente perfette, con 'La vita possibile' il regista Ivano De Matteo racconta invece una storia d'amore, di amicizia e speranza, nonostante il tema intorno al quale ruota il suo ultimo lavoro sia estremamente drammatico. (...) Margherita Buy, in un ruolo particolarmente doloroso (...) Andrea Pittorino, giovanissimo ma già molto bravo (...) una solare e accogliente Valeria Golino (...). II regista, che ha scelto di ambientare la storia in una Torino autunnale, vicina ai sentimenti dei suoi personaggi, ha raccontato per lo più la triste vicenda di una donna che ha conosciuto e di cui ha studiato gli atti processuali. Ma le storie come quella di Anna sono tante, alcune denunciate, molte altre taciute per anni e sfociate nel femminicidio, orrendo crimine più che mai attuale in questi giorni. Non c'è spazio per l'odio però nel film di De Matteo, che decide di non mettere in scena scene di violenza, inaccettabili per il pubblico. II regista comincia dunque la storia dopo l'ultima delle umiliazioni possibili, per rendere omaggio con il suo racconto (...) alla forza di una donna che risale la china, vince la sua battaglia contro la brutalità, i fantasmi del passato, le proprie insicurezze, e rinasce trovando la forza di ricominciare. Con l'augurio che tante altre donne imprigionate nel dolore e nella vergogna riescano a intraprendere lo stesso percorso." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 22 settembre 2016)

"De Matteo suggerisce, non illustra; inquadra qualche raggio, non il sol dell'avvenire; non cerca la prassi, si 'accontenta' della potenza, del divenire, perché la conseguenza prima della violenza è il blocco, la stasi, la mera inazione. Non casualmente, 'La vita possibile' è un 'on the road' da fermo: eppur si muove, direbbe Galileo. Non tutto vi funziona, anzi, ma De Matteo ha qualche merito indiscutibile: filmare il dopo, innanzitutto, senza eludere la violenza ma senza limitarvisi; optare per una drammaturgia a fuoco lento, scansando l'ansia da prestazione patetica, le scene madri e la lacrima facile. Un'opzione minimalista, un'attitudine riflessiva che si potrebbe scambiare per minimismo poetico, piccineria stilistica: no, si chiama ascolto, mettersi in ascolto di una, seconda, vita possibile. De Matteo sceglie la semplicità degli elementi - 'La violenza di un uomo, l'amicizia di una donna, lo sguardo di un bambino' - e trova geometrie esistenziali variabili, empatiche, non ricattatorie, misurate anche nel dolore. Altre cose non vanno: la Golino, 'poca' ma assai brava, e Todeschini, bella scelta, meritavano più spazio, perché nei loro personaggi c'è più interesse, e verità, della coppia madre (Buy, non ai suoi massimi) e figlio. Insomma, i vasi drammaturgici non comunicano sempre al meglio, e nemmeno i pesi attoriali sono perfettamente calibrati, ma anche nelle secche, nelle stracche de 'La vita possibile' c'è una cosa preziosa: la vita." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 22 settembre 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy