LA VITA DI GIULIO REUTER

A DISPATCH FROM REUTER S

USA - 1940
LA VITA DI GIULIO REUTER
Giulio Reuter era poco più di un ragazzo, quando nel 1833 aiutava il proprio zio nel disimpegnare il servizio postale per mezzo di corrieri. Cominciarono allora a formarsi nella sua mente giovanile dei progetti ancora vaghi, miranti al miglioramento del servizio informazioni, che doveva divenire celere e veritiero, ispirandosi al motto: rapidità e verità. Ebbe da prima l'idea di servirsi di piccioni viaggiatori e malgrado il generale scetticismo, l'iniziativa poté ben presto affermarsi, in seguito ad un episodio, che ne fece risaltare l'importanza. Fu infatti un piccione viaggiatore, che recando al lontano ospedale la notizia dell'involontario errore di un farmacista, salvò un giorno da sicura morte numerosi pazienti. I piccioni servivano anche a trasmettere le quotazioni di Borsa. L'affermarsi del progresso indusse Reuter a lasciare i piccioni, affidandosi ai fili del telegrafo; il maturare degli eventi politici gli suggerì l'idea d'organizzare un servizio internazionale di informazioni per la stampa. Sorse così la celebre agenzia. Reuter dovette lottare con concorrenti, battersi contro i disonesti, aiutato dalla moglie continuò la lotta fino al successo finale, sempre fedele al motto: rapidità e verità.
  • Altri titoli:
    MESSAGGIO TRAGICO
  • Durata: 89'
  • Genere: BIOGRAFICO
  • Produzione: WB
  • Distribuzione: SCALERA
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy