LA SPOSA

ITALIA - 1958
Durante una gita, la macchina guidata da Flora investe ed uccide una donna. Nel marito della donna uccisa, Flora riconosce Maurizio, il suo antico fidanzato: i due si rivedono e tra loro rinasce l'amore che in altri tempi aveva unito le loro anime. Maurizio vorrebbe sposare l'antica fidanzata, che il destino ha rimesso sulla sua strada, Ma l'angoscioso ricordo della donna, che involontariamente ha ucciso, è sempre presente allo spirito di Flora e non le lascia pace. Alla fine l'amore vince e i due si sposano; ma nel piccolo paese, in cui risiedono, l'ambiente è ostile a Flora. L'atteggiamento sprezzante di Ornella, la figlia di Maurizio, che rievoca continuamente la figura della madre morta, riesce per Flora particolarmente penoso. Riappare intanto Mario, che era nella macchina con Flora il giorno del fatale incidente, e si era eclissato per non aver noie. Mario vorrebbe riprendere la relazione con Flora, che è molto imbarazzata; ma l'arrivo di Maurizio salva per il momento la situazione. Flora si rende conto però che l'ombra del passato è venuta a turbare i suoi rapporti col marito e disperata tenta di uccidersi. Viene salvata, ma il medico consiglia che si allontani Flora da quella casa. Una notte, durante un'assenza di Maurizio, scoppia un terribile temporale e la caduta di un fulmine provoca un incendio nella casa nella quale Ornella e il suo fratellino erano rimasti soli. Flora si lancia tra le fiamme e salva i due bambini. Ella ha messo a repentaglio la vita: Ornella, che se ne rende conto, prova per lei un commosso sentimento di riconoscenza, che manifesta nella forma più gradita a Flora, chiamandola mamma. Nella famiglia sono tornati l'amore e la pace, e con questi la serenità.
  • Durata: 90'
  • Genere: ROMANTICO
  • Produzione: NATALE MONTIELLO (NAPOLI)
  • Distribuzione: S.A.P. FILM (NATALE MONTIELLO)

NOTE

LA REGAI DEL FILM IN ALCUNI TESTI, E' ATTRIBUITA ERRONEAMENTE A NATALE MONTIELLO

CRITICA

"Il film si vale di elementi atti a fare una certa impressione su un pubblico di gusti facili, ma la realizzazione lascia a desiderare (...)". (Segnalazioni Cinematografiche).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy