La soglia dell'inferno

The Bold and the Brave

USA - 1956
Durante la seconda guerra mondiale tre militari americani, Fairchild, Dooley e Preacher, destinati alla Quinta armata, sono legati da una forte amicizia. Dooley gioca spesso d'azzardo e fa numerose scommesse sperando di raggranellare la somma necessaria ad aprire, dopo la guerra, un piccolo ristorante. Fairchild è un convinto pacifista e non vorrebbe affatto sparare. Il terzo, il sergente Preacher, è stato cresciuto in base a rigidi dettami religiosi e considera l'amore un tranello messo in atto dal diavolo per trascinare l'uomo nel peccato. I suoi due amici, per aiutarlo a uscire da quest'ottica puritana, convincono Fiamma, una prostituta al seguito dell'esercito, a circuirlo. Preacher si innamora di lei e le chiede di sposarlo. Anche la ragazza comincia a provare per lui un amore sincero. Ma, una sera, mentre la coppia è seduta al tavolo di un'osteria, un gruppo di militari comincia ad apostrofare Stella in modo volgare. Preacher capisce di essere stato oggetto di un inganno, lascia immediatamente la ragazza e non riesce a perdonare i suoi amici. I tre vengono mandati insieme a compiere una pericolosa missione e il sergente non si lascia mai andare con i suoi amici e li trattando da sottoposti. Solo quando Dooley muore nel tentativo di entrare in possesso di un fascio di banconote e Preacher rimane ferito gravemente, al sergente appare chiaro quanto sia importante per lui la loro amicizia. E sarà proprio Fairchild a combattere il proprio antimilitarismo per salvargli la vita.
  • Durata: 87'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, GUERRA
  • Specifiche tecniche: 35 MM, SUPERSCOPE
  • Produzione: FILMMAKERS PRODUCING ORGANIZATION
  • Distribuzione: RKO

NOTE

- COLLABORAZIONE NON ACCREDITATA ALLA REGIA: MICKEY ROONEY.

CRITICA

"Non è uno dei soliti film di guerra: la guerra costituisce qui soltanto l'ambiente in cui si svolge la vicenda dei tre militari e della donna. Di questi il film narra la breve storia e soprattutto analizza in modo abbastanza convincente gli stati d'animo e i riflessi psicologici. Ottima l'interpretazione." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 40, 1956)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy