La signora è di passaggio

La passante Du Sans-Souci

FRANCIA - 1981
La signora è di passaggio
Max Baumstein, ricco industriale e presidente di un'organizzazione per la salvaguardia dei diritti umani, uccide a sangue freddo l'ambasciatore del Paraguay, da lui riconosciuto come ex-ufficiale nazista al tempo dell'occupazione di Parigi, nel corso della seconda guerra mondiale. L'inspiegabile gesto lascia sconvolti la moglie di Max ed i suoi più stretti collaboratori, ma nel corso del processo - durante il quale Max si dichiara colpevole - viene fuori il motivo di quel gesto. Ebreo, orfano di madre, Max si vede uccidere sotto gli occhi il padre dalle SA, le squadre dell'assalto naziste, e lui stesso viene reso invalido dalla stessa brutalità. Preso in cura dai coniugi Wiener, anche loro oppositori del nazismo, Max assiste all'ascesa inarrestabile di Hitler, fino a quando Michel Wiener convince la moglie a riparare a Parigi col piccolo Max. Qui Elsa e Max si trovano ben presto a condurre una vita difficile, anche per la mancanza di notizie di Michel, assistiti da Maurice, un giovane che si è innamorato di Lisa. Sarà Maurice a compiere un pericoloso viaggio a Berlino, dove viene a scoprire che Michel è stato internato in un lager. Per poter far liberare il marito, Elsa, che si è ridotta a fare l'entraineuse, si offre a Ruppert von Leggaert, un nazista addetto all'ambasciata tedesca. Ma, quando finalmente Michel ed Elsa si riabbracceranno, saranno assassinati dai sicari dello stesso von Leggaert. Al termine del processo, Max viene condannato a cinque anni con la condizionale; ma lui e la moglie, come si apprende dai titoli di coda, morranno sei mesi dopo, uccisi dallo stesso odio neonazista.
  • Durata: 115'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICO
  • Tratto da: "La Passante Du Sans -Souci" di Joseph Kessel
  • Produzione: RAYMOND DANON, ELEPHANT PRODUCTION FILM AZ CCC FILMSKUN GBH CO KG BERLIN
  • Distribuzione: IGOR FILM (1983) - PLAYTIME

NOTE

SUONO: WILLIAM SIVEL.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy