La Romana

ITALIA - 1954
Roma, anni '30. Adriana è una ragazza bella ma povera, cui la madre trova un lavoro come modella di un pittore nella segreta speranza di avviarla, in seguito, a una più lucrosa e facile carriera. Un giorno essa si innamora di un autista che dichiara subito di volerla sposare. Adriana crede a quelle promesse e nell'attesa di vederle attuate, diventa l'amante del fidanzato che non tarda a rivelarsi un marito con prole. Adriana, allora, disgustata e delusa, finisce per darsi alla prostituzione. Una sera si imbatte in un giovanotto, Gino, di cui si innamora appassionatamente. Gino, però, ha altre preoccupazioni oltre all'amore. Fa parte di un gruppo politico clandestino e le cospirazioni occupano gran parte del suo tempo. Ma ecco che lo arrestano ed il giovanotto, per essere rimesso in libertà, rivela alla polizia tutti i nomi dei compagni. Una volta liberato, però, i rimorsi lo assalgono e vorrebbe uccidersi. Adriana fa l'impossibile per tranquillizzarlo, giungendo fino a rivolgersi a un funzionario della polizia che era stato suo amante, ma i suoi sforzi sono inutili e Gino si uccide.

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1995.

- IL FILM E' STATO RESTAURATO NEL 2009 DAL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA IN COLLABORAZIONE CON SKY CINEMA.

CRITICA

"Il film riproduce i passi essenziali dell'omonimo romanzo di Alberto Moravia con una certa superficialità, senza approfondire mai le ragioni dei singoli personaggi. E' lento, verboso, fitto di divagazioni letterarie, di situazioni sgradevoli, di particolari inutili". ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 36, 1954).

"Se non che questa storia, spolpata dell'arte del anrratore, resta una povera cosa, un meccanismo in cui i opersonaggi perdono il loro rilevo e sia gitano burattinesticamente, privi di senso." (Luigi Chiarini, "Il Contemporaneo", 11 settembre 1954)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy