La ragazza con gli stivali rossi

La femme aux bottes rouges

FRANCIA - 1974
ll miliardario Perou, affetto da odio verso tutto ciò che ritiene irrazionale e soprattutto per l'arte, è solito invitare personalità che rappresentano mentalità antagoniste alla sua per indurle all'autodistruzione. Un giorno egli incontra casualmente Françoise Leroy, giovane autrice del saggio letterario "Secrets", e la invita nella propria ricca villa con l'apaprente incarico di stendere un autobiografìa. La donna, già combattuta tra l'amore verso il pittore Richar e l'editore Mare, entra nel vivo del giuoco-battaglia con Perou quando alla villa arrivano anche i due uomini, attirati anche loro dal fìnto mecenate. Il confronto, specialmente grazie a Françoise, si risolve a favore dei tre rappresentanti della "fantasia creatrice", a danno di Perou che muore con la testa in fiamme.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, GROTTESCO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA KODAKCOLOR
  • Produzione: CLAUDE JAEGER, GERICO SOUND (ROMA), PROCINEX (PARIGI), SERAFIN GARCIA TRUEBA (MADRID)
  • Distribuzione: REGIONALE - GOLDEN VIDEO, NORMALE HOME VIDEO

CRITICA

"Il film - opera seconda del figlio di Luis Buñuel - risente molto dell'eredità (dalla scelta degli interpreti agli atteggiamenti tecnico-stilistici), ma in opposte conclusioni. Infatti, il tipo di fotografia, l'impostazione surreale del racconto, il simbolismo del personaggio e l'ambiguità misteriosa dei contenuti, sono elementi che suscitano un certo interesse. D'altra parte, la freddezza della concezione, la stravaganza voluta, la mancanza di ispirazione e di vera unità spirituale, rivela un fastidioso artificio e un non meno indigesto barocchismo. L'assunto tematico che lo spirito dell'uomo è libertà, fantasia creatrice ed immaginazione, e non può essere vinto dalla razionalità spinta sino alla freddezza del calcolo e dei mezzi di potere, è un'affermazione di per sé accettabile; ma è presentata in una vicenda in cui surrealismo e parapsicologia non contribuiscono a facilitare la lettura, e non fanno percepire l'attualità dell'assunto stesso." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 79, 1975)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy