La Rabbia

ITALIA - 2007
La Rabbia
Un giovane regista sta cercando disperatamente i fondi per girare un film che, attraverso la creazione di un racconto per immagini, sia segno tangibile del suo passaggio sulla terra. Tuttavia, ogni sforzo da lui compiuto risulta vano poiché i produttori con cui entra in contatto non si dimostrano interessati al suo progetto. Delusione e rabbia gli vengono suscitate anche dal vecchio regista che si è proposto come suo mentore. Per autofinanziarsi decide infine di rapinare una banca. Con il denaro rubato realizza finalmente la sua opera, ma il calvario iniziale si ripropone quando si mette alla ricerca di un distributore...
  • Durata: 104'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: L'ALTROFILM
  • Distribuzione: L'ALTROFILM (2008)
  • Data uscita 29 Febbraio 2008

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Realizzare un film? Un'impresa disperata. Difficoltà a reperire fondi, produttori insensibili, distributori che si danno a gambe levate, contrasti con gli sceneggiatori: è vita grama quella di un aspirante regista. Vita a pane e rabbia. Tanta rabbia, che se non canalizzata, ti porta all'autodistruzione, all'implosione artistica ed esistenziale. Ed è un Louis Nero di Rabbia quello che porta sullo schermo i dolori del giovane filmaker: non autobiografici, comunque molto privati. Effetto notte - ambientazione pressoché esclusivamente notturna - per fare meta-cinematografia di denuncia, ovvero portare alla luce le miserie, variamente declinate, del sistema cinema. Dalla parte di Nero, torinese, classe 1976, all'attivo tre lungometraggi (Golem, Pianosequenza, Hans), un cast all star: accanto al protagonista Nino Rogner, un popolo di cineasti con i volti di Franco Nero, Tinto Brass, Faye Dunaway, Philippe Leroy, Giorgio Albertazzi, Corso Salani, Gregorio Napoli, avviluppati dalla canzone originale di Luis Bacalov e dallo score ipnotico di Teho Teardo. Opera totale (Nero è regista, produttore, direttore della fotografia e montatore), La rabbia è ben girato, e non banalmente ispirato. Ma finisce qui: solipsismi d'autore, sviluppo didascalico, verbosità letteraria, ironia – e autoironia – al lumicino, il film si accartoccia su se stesso. E a far capolino è un terribile interrogativo: cui prodest? 

NOTE

- CANDIDATO AL DAVID DI DONATELLO 2008 PER LA MIGLIOR CANZONE ORIGINALE.

CRITICA

"Il film di Luis Nero è un atto d' accusa sul potere costituito del cinema, lobby divise per categorie, nessuna innocente. Si parla della macchina show e del business con i tentativi di un giovane regista che vuol realizzare un film indipendente e va a bussare a molte inutili porte. E mentre ciò avviene il film nasce da solo, consigliando di coltivare una certa rabbia che si potrà poi trasformare in ispirazione. In un luogo altrove, fra ospiti e carrellate, si racconta come il potere vuol omologare in fiction, finendo con la classica massima di Brecht su fondare o sfondare una banca. Brass e Albertazzi i producers, Foà che parla d'arte, nonni Dunaway-Leroy, colori assurdi squillanti e la sicurezza che Nero è un inguaribile ottimista romantico che riesce, pur protetto da cari luoghi comuni, a creare l'atmosfera di un sogno che si scontra con la vita reale." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 29 febbraio 2008)

"Luis Nero, già detective dei linguaggi schizofrenici dell'arte, realizza con 'La rabbia' un film tanto inattuale da essere moderno, tanto narcisista da essere terapeutico, tanto furibondo da essere angelico. Dotato di un audace immaginario tra Fellini e Resnais - lo sberleffo all'industria della celluloide si svolge nei meandri di uno spettrale microcosmo labirintico - Nero ha il fegato d'arruolare pesi massimi come Franco Nero, la Dunaway, Albertazzi e Brass: se la litania del cineasta immolato alla legge dei quattrini non esce dallo stereotipo, il criptico estremismo della messinscena comunica un pathos assolutamente degno di rispetto.." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 1 marzo 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy