La porta del cannone

ITALIA - 1968
La porta del cannone
Alla vigilia dell'invasione della Cecoslovacchia da parte della Germania nazista, il Servizio Segreto tedesco affida a una spia italiana, Riccardo Flori, il compito di eliminare il capo della Resistenza, Zaimitis, avvertendolo che lo stesso incarico è stato affidato all'agente Müller. Sul treno che lo porterà a destinazione, Flori, che si spaccia per un commerciante svizzero, simpatizza con una giovane ebrea cecoslovacca, Rada Kalman, e la protegge dai tentativi di Müller di arrestarla e inviarla in un campo di concentramento. Raggiunta, finalmente, la Cecoslovacchia, Rada gli rivela di essere una partigiana, al corrente della missione che gli è stata affidata. Costretto a seguire i compagni di lotta della giovane, dei quali è prigioniero, Flori comincia piano piano a perdere la propria fede nel fascismo, ma si sente al tempo stesso tormentato dal senso del dovere e dall'obbligo di tener fede alla parola data. Tra i partigiani c'è una spia dei tedeschi, un agente di Müller, che, d'accordo con questi, cerca di far cadere Flori in un tranello, invitandolo a recarsi nella villa in cui è rifugiato Zaimitis. Penetratovi con l'intenzione di ucciderlo, Flori vi trova Irene, una ragazza italiana di cui, tanto tempo prima, era stato innamorato. E' anche lei una partigiana che lo convince a schierarsi definitivamente contro i nazifascisti. Gli uomini di Müller, intanto, hanno circondato la villa, decisi a uccidere sia Zaimitis che Flori: mentre il capo cecoslovacco riesce a fuggire, l'italiano si sbarazza di Müller e dei suoi uomini. Salito sull'auto del nazista morto, per raggiungere Rada e i partigiani, Flori, scambiato per Müller, viene però ucciso dai suoi stessi nuovi compagni di lotta.
  • Altri titoli:
    Thunder from the West
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM, TOTALSCOPE, EASTMANCOLOR
  • Tratto da: romanzo "La porta del cannone" di Giuliano Friz
  • Produzione: CLAUDIO NASSO PER INTEUROPA CINEMATOGRAFICA, PRODI CINEMATOGRAFICA (ROMA), TRIGLAV FILM (LUBIANA)
  • Distribuzione: REGIONALE

CRITICA

"Inserita in un contesto storico abbondantemente falsato, sceneggiata in modo confuso e approssimativo, superficiale e retorica per quanto riguarda la crisi di coscienza del protagonista, la vicenda è anche come spettacolo di modesta qualità." ("Segnalazioni Cinematografiche", vol. 67, 1969)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy