La meglio gioventù

ITALIA - 2003
La meglio gioventù
Le vicende di una famiglia italiana dagli albori degli anni Sessanta fino ai giorni nostri. Al centro della storia due fratelli, Nicola e Matteo, che vivono inseparabilmente gli anni dell'adolescenza fino a quando l'apparire nella loro esistenza di una ragazza con gravi problemi psichici cambierà le cose...
  • Altri titoli:
    The Best of Youth
  • Durata: 360'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1.78)
  • Produzione: ANGELO BARBAGALLO PER BIBIFILM, RAI FICTION
  • Distribuzione: 01 DISTRIBUTION
  • Data uscita 20 Giugno 2003

NOTE

- VINCITORE DELLA SEZIONE "UN CERTAIN REGARD" AL 56MO FESTIVAL DI CANNES (2003).

- PREMIO "CITTÀ DI ROMA - ARC-EN-CIEL LATIN".

- DAVID DI DONATELLO 2004 PER MIGLIOR FILM, MIGLIOR REGIA (MARCO TULLIO GIORDANA), MIGLIOR SCENEGGIATURA (SANDRO PETRAGLIA E STEFANO RULLI), MIGLIOR MONTAGGIO (ROBERTO MISSIROLI), MIGLIOR FONICO DI PRESA DIRETTA (FULGENZIO CECCON) E MIGLIOR PRODUTTORE (ANGELO BARBAGALLO).

- NASTRO D'ARGENTO 2004 PER: MIGLIOR REGIA (MARCO TULLIO GIORDANA), MIGLIOR PRODUTTORE (ANGELO BARBAGALLO), MIGLIOR SCENEGGIATURA (STEFANO RULLI E SANDRO PETRAGLIA), MIGLIOR PRESA DIRETTA (FULGENZIO CECCON) E MIGLIOR MONTAGGIO (ROBERTO MISSIROLI). TUTTO IL CAST FEMMINILE (ADRIANA ASTI, SONIA BERGAMASCO, MAYA SANSA E JASMINE TRINCA) SI E' AGGIUDICATO IL NASTRO D'ARGENTO PER LA MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA E TUTTO IL CAST MASCHILE (ALESSIO BONI, FABRIZIO GIFUNI, LUIGI LO CASCIO E ANDREA TIDONA) QUELLO PER IL MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA (EX-AEQUO CON ROBERTO HERLITZKA PER "BUONGIORNO, NOTTE" DI MARCO BELLOCCHIO).

- GLOBO D'ORO 2004 COME MIGLIOR REGISTA (MARCO TULLIO GIORDANA), MIGLIORE SCENEGGIATURA (STEFANO RULLI, SANDRO PETRAGLIA), GLOBO D'ORO SPECIALE (ADRIANA ASTI) E GRAN PREMIO STAMPA ESTERA

- IL FILM E' USCITO NELLE SALE DIVISO IN DUE PARTI DA DUE ORE E MEZZA L'UNA: I° ATTO (180', 20/06/2003) E II° ATTO (27/06/2003) MA E' STATO PRODOTTO DALLA RAI E TRASMESSO SU RAIUNO IN QUATTRO PUNTATE DA 90' IL 7- 8 - 14 - 15 DICEMBRE 2003

CRITICA

"'La meglio gioventù' di Marco Tullio Giordana è così ambizioso e fuori misura che poteva rovinarsi con le proprie mani. Il rischio, avvertibile nella prima parte, era l'effetto-Bignami, la ricapitolazione guidata dal senno di poi, la creazione di figure-simbolo che anziché fare la Storia, ricreandola per così dire in diretta, ne erano agite. Personaggi-funzione insomma, presi in ostaggio dall'esigenza di trovare una sintesi e attraversare tutte le strettoie, inerpicarsi su tutte le vette, affrontare tutte le crisi degli ultimi quarant'anni. Per aggirare questi rischi Giordana e gli sceneggiatori Rulli e Petraglia hanno puntato con intelligenza su due opzioni di fondo. Primo: non dare spiegazioni, non cercare cause e ragioni, rifiutare l'astrazione per restare addosso ai volti, ai corpi, ai sentimenti, perché di questo sono fatte le storie con cui poi si scrive la Storia. Non chiedersi troppi perché dunque, ma precisare sempre i come. Secondo: strutturare l'intera vicenda, con tutte le sue ramificazioni, come una storia di famiglia. (...) Da una materia simile in America avrebbero tratto un musical. In Italia, patria di Verdi, non poteva essere che un melodramma. Un gran bel melodramma che ci permette di fare i conti con noi stessi (col nostro passato). E di fare la pace". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 20 giugno 2003)

"Quello che fecero per il nostro cinema gli sceneggiatori Rodolfo Sonego con 'Una vita difficile' di Dino Risi e Age e Scarpelli con 'Ceravamo tanto amati' di Ettore Scola, hanno fatto per la nostra migliore tv Stefano Rulli e Sandro Petraglia già una prima volta con 'La vita che verrà' (1999, regia di Pasquale Pozzessere) proseguendo, oggi, cronologicamente a partire da dove quel racconto si fermava. Cioè ideare e scrivere un romanzo popolare della vita collettiva di una generazione italiana. Quella, in 'La meglio gioventù', di chi aveva vent'anni nel 1968. Con il decisivo tocco di un regista eclettico e sensibile, intelligente e appassionato. (...) Un 'bravi' generale agli interpreti con una menzione speciale per Andrea Tidona, Maya Sansa e Claudio Gioè. E la più grande soddisfazione per il respiro di un disegno che dimostra la vitalità del cinema quando sa dirci (e scommettiamo che altrettanto saprà fare Marco Bellocchio con 'Buongiorno notte' sull'assassinio di Moro?) che 'la storia siamo noi'". (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 21 giugno 2003)


"Arrivare a una qualche verità attraverso il romanzo, arrivare al quadro storico attraverso le vicende private. Arrivare all'ottimismo attraverso la stoica accettazione delle tragedie e dei dolori. Questi sono gli obiettivi che di solito si pone solo la grande letteratura. Il cinema, molto meno; e la televisione, mai. Donde la lieta sorpresa de 'La meglio gioventù' di Marco Tullio Giordana, una straordinaria impresa produttiva di Angelo Barbagallo che sulla scia di 'Heimat' di Reisz sfida le abituali formule confidando nel flusso di un'appassionante materia narrativa. Tra le novità dell'operazione c'è anche quella che potremmo definire la 'separazione delle carriere' perché nei titoli Sandro Petraglia e Stefano Rulli firmano da soli il copione e Giordana la regia. Una soluzione apparentemente anti-autoriale, tale da mettere in crisi gli ortodossi della Nouvelle Vague, ma utile a dimostrare che in qualsiasi bel film c'è posto per vari autori". (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 21 giugno 2003)

"Direi che nel ripercorrere gli ultimi quarant'anni della storia della repubblica la cavalcata di Marco Tullio Giordana, scritta da Rulli e Petraglia, non ha l'ambizione di erigere monumenti, ma suggerisce sommessamente alcuni possibili modelli di comportamento. Sul versante pubblico con l'affermazione della solidarietà, del rispetto per il malato di mente, del bisogno di ordine e insieme di novità, della lotta contro la mafia, della voglia di viaggiare e conoscere. Quanto al privato, la trama imbastita fra agnizioni e colpi di scena che attestano negli autori una vispa furberia spettacolare (lo prendano come un complimento) non elude gli scontri con i problemi più grossi, mettendo i personaggi di fronte al dolore, alla follia, alla gestione di scelte sbagliate. La lunghezza del film serve a ricordare che la vita è lunga; e ci dà il tempo per riflettere, correggerci, reinventare i rapporti, cambiare radicalmente. Tutto questo non verrebbe a galla se 'La meglio gioventù' si riconducesse a un teorema, ma per fortuna i contenuti risultano fantasiosamente avvolti nelle pieghe di una narrazione libera di andare dove vuole". (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 28 giugno 2003)

"La sceneggiatura di Rulli e Petraglia indovina l'idea di affidare a due fratelli, uno psichiatra più bravo con i pazienti che con i familiari, e un poliziotto incapace di trovare una soluzione al dolore che lo circonda, il compito di far avanzare la storia, affrontando i nodi della cronaca attraverso le storie personali, vissute in prima persona, mentre la regia di Giordana dà forza a una galleria di volti tutti convincenti, tutti davvero bravi (e poi dicono che il cinema italiano non ha attori!). Così che alla fine si vorrebbe che la storia non finisse mai. E ci si accorge che sei ore, se appassionanti come queste, non sono tante". (Paolo Mereghetti, 'Io Donna', 28 giugno 2003)

"Prendi Adriana Asti. Era una delle tante quando faceva Becky Sharp ne "La fiera della vanità", sceneggiato degli anni '60. Capita quasi per caso nella televisione di oggi e lascia senza fiato. Anacronismo meraviglioso. Arriva da un mondo di cui non si hanno più notizie. Di quando talento e applicazione erano al servizio di quell'equivoco indispensabile che è la presunzione di avere un'anima. È una faccia quella di Mario Schiano, attore per caso, un genio del sax. Facce che promettono, non importa cosa, come quella di Maya Sansa, la più interessante da anni a questa parte, o di Alessio Boni, bravissimo a ingannare il proprio destino di attore condannato a fare il bello da fotoromanzo. Piaccia o no, "La meglio gioventù" si sottrae al probabile serraglio di un palinsesto dove tutto si confonde con il contrario di tutto. Se hai scelto di vederlo, per quattro sere ti sei scordato del telecomando." (Giancarlo Dotto, L'Espesso, 31 dicembre 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy