La mano sulla culla... è la mano che governa il mondo

The Hand That Rocks the Cradle

USA - 1992
Durante una visita ginecologica, l'asmatica Claire Bartel, sposata con Michael e madre della piccola Emma di cinque anni, è molestata dal ginecologo, il dottor Victor Mott, che sostituisce lo specialista di sua fiducia. Alla sua denuncia si associano altre quattro pazienti, e Mott, sospeso dall'attività e messo sotto inchiesta, si suicida. La vedova, Peyton, incinta, perde il bambino quasi contemporaneamente al nascere di Joe, il figlio di Claire, che ella sa, dai notiziari televisivi, essere la promotrice dell'inchiesta sul marito. Decisa a vendicarsi Peyton Flanders si fa assumere come bambinaia nella famiglia Bartel. Dapprima allatta di nascosto il piccolo Joe; quindi si cattiva la simpatia della piccola Emma e, una volta scoperta ad allattare da Solomon, un gigantesco nero handicappato mentale dedito in casa ai lavori pesanti, lo fa allontanare costruendo una falsa prova di molestie sessuali nel confronti della piccola Emma. Dopo aver tentato di circuire Michael, fa credere a Claire che il marito abbia una relazione con Marlene, amica di famiglia; quindi prepara un tranello mortale per Claire sabotando la chiusura del tetto della nuova serra. Frattanto Marlene, agente immobiliare, scopre nella foto di casa Mott il sonaglio cinese che Peyton ha appeso alla finestra del piccolo: una ricerca sui giornali le fa scoprire la verità. Corre da Claire, che è uscita, e, ingannata da Peyton, entra nella serra, cadendo trafitta dai vetri del tetto. La psicopatica vuota allora tutti gli apparecchi respiratori di Claire e questa ha un trauma nello scoprire l'amica morta. Poi Claire, tornando dall'ospedale e seguendo gli ultimi istanti di Marlene, scopre la casa di Mott e la visita, trovando che nella stanza del bambino c'è la stessa decorazione che Peyton ha messo nella camera di Joe e scoprendo l'apparecchio che la donna ha usato per non perdere il latte. Cacciata di casa Peylon e fatto ritornare Solomon, i due coniugi vengono aggrediti dalla psicopatica che cerca di uccidere prima Michael e poi Claire. Nella colluttazione con costei Peyton muore precipitando da una finestra.

CAST

CRITICA

"Questo thriller ben congegnato con sobria incisività e senza sbavature tratta l'argomento della lucida follia di una psicopatica non concedendo nulla al facile o al ridonante, salvo forse la sequenza finale, in cui il rocambolesco prende un po' la mano allo sceneggiatore ed al regista. Tutto procede con implacabile crescendo, con l'attrice Rebecca De Mornay che esprime con efficacia in un viso nobile ed espressivo nella sua bellezza un po' ghiacciata, il fuoco della follia che cova sotto un atteggiamento quieto e gentile, una sorta di subdolo, perverso cuculo che si introduce nel nido altrui per scalzare la madre. Bene anche gli altri, ottimamente diretti da Curtis Hanson. Argomento certo scottante, ma trattato sempre con asciutto realismo, senza compiacimenti o cadute di gusto sia nelle immagini che nel linguaggio." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 114, 1992)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy