LA MANO DELLA VENDETTA

JOAQUIN MURIETA

USA - 1968
Per venticinquemila dollari di ricompensa, Joaquin Murieta e Shade Clay - al seguito del quale si trovano il giovane Arkansaw, "Tre dita" e Morgan, uno schiavo negro dalla forza erculea - accettano di condurre da Sonora San Francisco (per metterla al riparo dalle frequenti incursioni dei predoni) Otillia, moglie del "fazendero" Mighel Ruiz. Durante il viaggio, raggiunta la missione di San Bernardo, Murieta, armi alla mano, respinge il tentativo di un fuorilegge, Gran, di scacciare i frati e insediarsi nel convento. Ripreso il cammino, la carovana si imbatte in un mesto corteo di peones affamati ai quali, contro il parere di Shade, Mureita fa consegnare del cibo. Inseguito a un fortuito incidente alla carrozza su cui viaggia Otillia, Joaquin e Clay si accorgono che il vero scopo del viaggio non è quello di condurre la donna la sicuro, ma di trasportare a San Francisco una statua tutta d'oro della Vergine rubata ai peones. Mentre Otillia cerca di convincere i suoi accompagnatori a spartire con lei il denaro ricavabile dalla vendita del prezioso simulacro, Murieta dichiara di voler restituire la statua ai fedeli cui appartiene. Riuscito ad attirare dalla propria gli uomini di Shade, Murieta disarma, costui e riprende senza di lui il cammino per Sonora. Deciso a vendicarsi, Clay si mette in contatto con Gant e, insieme, cercano di cogliere Joaquin e gli altri di sorpresa. L'attacco però viene respinto e, per quanto a malincuore, Mureita è costretto, per legittima difesa, a uccidere Shade.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy