La mafia uccide solo d'estate

ITALIA - 2013
La mafia uccide solo d'estate
Palermo. Sullo sfondo dei tragici episodi legati alla mafia accaduti in Sicilia tra gli anni Settanta e Novanta si svolge la tenera e divertente educazione sentimentale e civile di Arturo, un ragazzo nato lo stesso giorno in cui Vito Ciancimino - mafioso di rango - è stato eletto sindaco, e Flora, la compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari che vede come una principessa. Mentre cerca di conquistare la sua bella, Arturo diventa man mano consapevole delle infiltrazioni e delle azioni criminose della mafia nella sua città. Nessuno, però, sembra ascoltarlo...
  • Altri titoli:
    Die Mafia mordet nur im Sommer
    The Mafia Only Kills in Summer
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: MARIO GIANANI E LORENZO MIELI PER WILDSIDE MEDIA CON RAI CINEMA
  • Distribuzione: 01 DISTRIBUTION
  • Data uscita 28 Novembre 2013

TRAILER

NOTE

- REALIZZATO IN ASSOCIAZIONE CON OPTIMA ITALIA E GIASONE SRL; CON IL CONTRIBUTO DELLA DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA - MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI; CON IL SOSTEGNO DELLA REGIONE LAZIO; CON LA PARTECIPAZIONE DI MTV.

- DAVID DI DONATELLO 2014 PER: MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE E DAVID GIOVANI. LE ALTRE CANDIDATURE ERANO: MIGLIOR FILM, SCENEGGIATURA, PRODUTTORE, CANZONE ORIGINALE ("TOSAMI LADY"), COSTUMISTA, TRUCCATORE (DALIA COLLI) ED EFFETTI DIGITALI.

- NASTRI D'ARGENTO 2014 PER: MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE E SOGGETTO. ERA CANDIDATO ANCHE PER: MIGLIOR PRODUTTORE, ATTRICE NON PROTAGONISTA (CRISTIANA CAPOTONDI) E MONTAGGIO.

CRITICA

"Era l'anello mancante del cinema civile: Pif, volto cult tv, Pierfrancesco Diliberto, alterna informazione e satira in modo nuovo, divertente e accattivante, le stragi mafiose dagli anni 70 con gli occhi di un bambino; trapassa eventi e persone nella realtà cartoon schizzata di sangue. Tutto ahimè vero, l'educazione sentimental-civile di un'Italia neonata alla lotta contro il cancro mafioso che invade i sentimenti." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 28 novembre 2013)

"Occhi blu da cui è impossibile staccarsi e un sorriso da scugnizzo siculo che la sa lunga (ma te la racconta poco alla volta...), Pierfrancesco Diliberto in arte 'Pif' ce l'ha fatta, e l'impresa era colossale. Raccontare la mafia ridendoci su. Per chi fosse tentato di evocare istantaneamente la cinica ex coppia Ciprì & Maresco si sbaglia, il territorio narrativo di Pif è altrove, e riesce a transitare tra figure retorico/emozionali con la leggerezza del puro, certamente dell'esordiente, essendo il suo film 'La mafia uccide solo d'estate' il suo debutto dietro alla macchina da presa di un 'lungo'. Autobiografia sensoriale, cronaca poetica di una mafia annunciata, ferrea volontà di omaggiare gli Eroi caduti per mano mafiosa, la pellicola del già 'Testimone' per Mtv Pif parte di comicità per accomiatarsi con la poesia che commuove. Esilarante è la creatura (ispirata a se stesso) di Arturo, bimbo fatalmente concepito il giorno della strage di viale Lazio nel 1969, un segnale che gli si scolpisce addosso come un tatuaggio esistenziale. (...) Un lavoro coraggioso su tutti i piani, e non per ultimo quello di averlo realizzato 'in situ' palermitano senza aver pagato il pizzo e senza un centesimo dalla Regione Sicilia. «Se oggi la mafia ha perso potere è anche grazie a tutte quelle centinaia di cittadini siciliani che hanno deciso di non pagare più il pizzo, una scelta eroica e che merita l'applauso condiviso di ogni italiano». Commosso, Pif sa quel che dice, e la sensazione è la stessa che si prova sullo struggente finale del suo piccolo-grande film." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 28 novembre 2013)

"Si possono raccontare vent'anni di mafia con il sorriso sulle labbra? E si può, con toni da commedia, rendere omaggio ai grandi eroi dell'antimafia che hanno pagato, con la vita, il coraggio di essere, fino in fondo, servitori dello Stato? Detto così, sembrerebbe un sacrilegio bello e buono. Invece, 'La mafia uccide solo d'estate' è una delle operazioni più riuscite e intelligenti fatta dal cinema italiano, in questi ultimi anni. E il merito va tutto a Pif, nome d'arte di Pierfrancesco Diliberto, volto noto televisivo che ai successi ottenuti sul piccolo schermo (da 'Le lene' a 'll testimone') può aggiungere, ora, anche questo rimarchevole debutto nella regia cinematografica. Attraverso la storia di Arturo, concepito il 10 dicembre 1969 mentre stanno uccidendo Michele Cavataio, si ripercorrono anni di esplosioni, attentati, omicidi eccellenti. Dando un volto umano ai protagonisti dell'antimafia, che la sceneggiatura mette sulla strada di Arturo, innamorato senza speranza della piccola Flora. E' il commissario Boris Giuliano, per dire, a fargli scoprire una pastarella dolce e tocca al giudice Rocco Chinnici, vicino di casa della piccola Flora, condividere i patemi amorosi del bimbo. Così come è Dalla Chiesa a concedere, ad Arturo, un'intervista per il giornale locale, pochi giorni prima dell'attentato in cui perse la vita. Scene di vita quotidiana, che strappano risate, spazzate via dalle immagini di repertorio delle loro morti. (...) Qualche sbavatura da opera prima, ma questo è un film del quale andare fieri." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 28 novembre 2013)

"Piacerà agli ammiratori della «Iena» Pif (è lui Diliberto) che all'esordio nella regia, dimostra (non è poco) di conoscere l'alchimia dramma-commedia. E raccontare la difficile convivenza tra una vita possibilmente normale e un contesto secolarmente criminoso." (Giorgio Carbone, 'Libero', 28 novembre 2013)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy