La macchina ammazzacattivi

ITALIA - 1952
La macchina ammazzacattivi
Celestino, modesto fotografo di paese, è un uomo semplice, amante della giustizia e molto devoto a S. Andrea. Una sera di festa, un vecchio viandante, nel quale egli riconosce il suo Santo, gli chiede alloggio e gli insegna un metodo infallibile per sopprimere, per mezzo del suo primitivo apparecchio fotografico, tutti i cattivi e i disonesti, ripulendo il paese. Basterà che egli fotografi per la seconda volta una persona già fotografata, ritraendola dalla prima fotografia: la persona così designata morirà.
  • Altri titoli:
    Machine to Kill Bad People
    The Machine That Kills Bad People
    Die Maschine, die die Bösen tötet
    Die Maschine Bösetöter
    La machine à tuer les méchants
  • Durata: 80'
  • Colore: B/N
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.37)
  • Produzione: SALVO D'ANGELO PER UNIVERSALIA FILM, TEVERE FILM
  • Distribuzione: PDC - CDE HOME VIDEO, M & R

NOTE

- SUONO: MARIO AMARI.

- IN CONCORSO AL 64. FESTIVAL DI CANNES (2011), NELLA SEZIONE "CANNES CLASSICS".

CRITICA

"Il film, che procede da uno spunto originale e non manca di sequenze indovinate, risulta in complesso frammentario e slegato." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 31, 1952)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy