La furia dei barbari

ITALIA - 1960
Corre l'anno 568 d.C., Kovo, capo del villaggio di Ruter, usa violenza alla sposa di Toryok, capo del villaggio di Nyssia, e la uccide, poi fugge e si unisce ai longobardi di Alboino in marcia verso l'Italia. Nella primavera del 570, Kovo ritorna a Ruter: lo accompagnano Lianora, bella fanciulla veronese, ed una schiera di longobardi. Toryok, che durante questo tempo, ha sempre pensato alla vendetta, scatena la guerra e dopo una serie di scontri sanguinosi, distrugge il villaggio di Ruter. Kovo circonda Nyssia con le sue schiere. Impressionata dalla violenza di Kovo Lianora vorrebbe lasciarlo ma egli la trattiene con la forza. Una notte Toryok penetra nelle linee nemiche e cattura Lianora. Le orde di Kovo si gettano su Nyssia, e l'attacco è respinto a fatica: la madre, il fratello e la sposa di Toryok sono tra le vittime dell'assalto nemico. Per costringere Kovo a battersi con lui a duello, Toryok minaccia di uccidere Lianora, che tiene in ostaggio: nella singolar tenzone Kovo viene ucciso. I longobardi fuggono, torna la pace: tra Lianora e Toryok fiorisce un sincero amore.
  • Altri titoli:
    Toryok, la furie des Barbares
    La furia de los barbaros
    Fury of the Pagans
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: STORICO
  • Specifiche tecniche: DYALISCOPE - EASTMANCOLOR
  • Produzione: MARIO BARTOLINI E GIULIANO SIMONETTI PER ARION
  • Distribuzione: REGIONALE

NOTE

- ESTERNI GIRATI IN JUGOSLAVIA CON LA COLLABORAZIONE DELLA DUBRAVA FILM DI ZAGABRIA. INTERNI ALL'INTERSTUDIO DI ROMA.

CRITICA

"(....) Le ingenuità e le banalità, le forzature narrative e le grossolanità storiche non si contano, e poichè il film, ove si eccettui qualche battaglia ben realizzata, manca anche del dovuto piglio avventuroso, è facile intuire quale sia il livello dell'opera". (Giacinto Ciaccio, "Rivista del Cinematografo", 4/5, maggio 1961).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy