La dura verità

The Ugly Truth

USA - 2009
1/5
La dura verità
Mike Chadway, attraente, maschilista e inguaribile seduttore, è il conduttore della trasmissione televisiva di successo "La dura verità". Tra i suoi collaboratori c'è la produttrice Abby Richter, bella, intelligente e molto efficace sul lavoro ma ben poco avvezza alle relazioni sentimentali. Quando Abby incontra quello che sembra essere l'uomo giusto per lei, sarà lo stesso Mike ad aiutarla insegnandole i trucchi e le regole della seduzione...
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: SUPER 35 STAMPATO A 35 MM (1:2.35)
  • Produzione: LAKESHORE ENTERTAINMENT, RELATIVITY MEDIA
  • Distribuzione: SONY PICTURES RELEASING ITALIA
  • Data uscita 27 Novembre 2009

RECENSIONE

di Gianluigi Ceccarelli
Abby Richter (Katherine Heigl) è una producer televisiva di successo il cui show è in calo di ascolti e la cui vita sentimentale non è delle migliori. Fortuna che di lì a poco incontrerà Mike Chadway (Gerard Butler), autentico troglodita e anchor-man de "La dura verità", show che analizza i rapporti di coppia con un linguaggio ai limiti della coprolalia. Mike, da bravo uomo "che sa come vanno le cose e cosa vogliono veramente gli uomini dalle donne", cambierà la vita di Abby salvo poi desiderare di farvi parte.
Dopo il flop di 21, Robert Luketic si butta sulla commedia: era difficile pensare che potesse far peggio, ma forse lo avevamo sottovalutato. Della scurrilità del plot si è già accennato abbastanza, vera cifra stilistica di una pellicola che procede impavida fra inverosimiglianze palesi e gag vecchie come il cucco (quella delle mutande vibranti telecomandate non le scrive più neanche Manara). E il sessismo spicciolo - incarnato da un Butler davvero a corto di vergogna - è quello più diseducativo: populista dietro il politicamente scorretto, e ben lieto di smentirsi quando l'Amore fa capolino con la bella di turno. Una verità, più che dura, penosa al pari di chi la sostiene.

CRITICA

"Diretto con ritmo da Robert Luketic, interpretato dall'intonata Katherine Heigl e da Gerad Butler, forzuto Leonida in '300', il film procede scanzonato con gag alcune discutibili, altre divertenti. Ma alla fine a trionfare è la voce del cuore." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 27 novembre 2009)

"C'è molto di già visto in questa commedia che sa essere sofisticata e sguaiata allo stesso tempo. (...) Per i contenuti verbali un po' forti il film è dappertutto consigliato a partire dai 12 anni in su mentre in Italia è per tutti. Date retta al resto del mondo." (Pedro Armocida, 'Il Giornale', 27 novembre 2009)

"La commedia/canaglia funziona. Anche quando, complice un vibratore, replica al ristorante l'estasi di Meg Ryan in 'Harry ti presento Sally'". (Alessio Guzzano, 'City', 27 novembre 2009)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy