LA DIVINA COMMEDIA

A DIVINA COMEDIA

PORTOGALLO, FRANCIA - 1991
In apparenza non ha nulla a che vedere con la Divina Commedia. Tuttavia la contrapposizione tra il bene e il male, tra peccato e santità offre un comune denominatore con l'opera del poeta. La storia si svolge ai giorni nostri. In un manicomio alcuni pazienti si credono personaggi biblici come Adamo, Gesù, Lazzaro, Marta, Maria, altri sono convinti di essere personaggi letterari come Raskol'nikov e Sonya di "Delitto e Castigo" o Ivan e Alesa dei fratelli Karamazov. Tutto si svolge come in una parabola.

CAST

NOTE

PREMIO DELLA GIURIA ALLA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA 1991.
COSTUMI: JASMIN DE MATOS.

CRITICA

"La divina comedia" del grande ottantatreenne portoghese Manuel De Oliveira è un affascinante film teatrale, letterario, filosofico e musicale. (Lietta Tornabuoni La Stampa)

Va bene per le allucinazioni e le ossessioni, per le questioni teologiche e gli interrogativi metafisici, per la mancanza di trama e le ironie iperintellettualistiche; ma perchè rubare il titolo ad un onesto lavoro del "conformista" Dante Alighieri? (Valerio Caprara, Il Mattino)

In qualche raro frangente la "Divina Commedia" di De Oliveira ricorda i film di Bunuel; ma Bunuel aveva compiuto una irreversibile scelta di campo, cioè sapeva quello che voleva, e aggiungerei che Oliveira è un Bunuel privo di acredine questo sì e con assai meno vigore. (Carlo Laurenzi, Il Giornale)

Ma il dibattito ideologico è verbosissimo, le questioni più dette che interpretate, e la durata del film (due ore e venti), fanno di "A divina comedia" una sfida alla concezione del cinema del comune spettatore e dei critici meno sensibili al fascino della dissertazione eticoreligiosa. (Irene Bignardi, La Repubblica)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy