La corona di ferro

ITALIA - 1941
Il passaggio della Corona di ferro, in viaggio verso Roma, nell'immaginario regno di Kindaor, coincide con la fine di una guerra conclusa con un fratricidio: Sedemondo uccide re Licinio suo fratello e gli usurpa il trono. Per eludere con astuzia e violenza il castigo profetizzatogli egli dà in pasto ai leoni il piccolo Arminio, orfano del fratello, e sevizia fino allo sterminio il popolo vinto. Ma il bimbo, allevato dalle belve invece che sbranato, diviene uomo, forte e giusto e, incontrando Tundra - la giovane figlia del re nemico di Kindaor - assetata di vendetta, diviene l'ignaro strumento della volontà di costei. Egli partecipa ad un torneo indetto da Sedemondo e, vincendolo, conquista la mano della figlia di questi, Elsa, che si è innamorata di lui. In tal modo si compie il destino che Sedemondo aveva creduto di sventare illudendosi che Arminio fosse morto. Elsa sacrifica la propria vita per la felicità di Arminio il quale, per diritto di nascita, diviene re e, a suggello della pace avvenuta tra i due popoli, sposa Tundra.

CAST

NOTE

- CONSULENTE ARTISTICO E SCENEGGIATORE: CORRADO PAVOLINI -
- DIRETTORE ARTISTICO.: PIERO SASSOLI -
- COSTUMI REALIZZATI DA CASA CARAMBA.
- AIUTO REGIA: RENATO CASTELLANI, MARIO CHIARI, LIONELLO DE FELICE -
- IL FILM VINCE LA COPPA MUSSOLINI COME "MIGLIOR FILM ITALIANO" ALLA MOSTRA DI VENEZIA DEL 1941.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy